x

SEI IN > VIVERE JESI > SPORT
articolo

Calcio: Bacci mette in guardia la sua Jesina, 'Attenzione al Giulianova'. Respinto il ricorso del mister

2' di lettura
979

di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it


La Jesina si appresta ad affrontare la sfida di Giulianova, valida per la decima giornata del campionato di serie D, sulla scia dei risultati positivi raccolti nelle ultime sei giornate.

E' cauto mister Francesco Bacci, che invita a non abbassare la guardia e mantenere alta la concentrazione contro un avversario di qualità e in un campo difficile.

"Ci apprestiamo ad affrontare un avversario su di giri, dopo la vittoria di domenica scorsa a Fermo, Hanno fatto quadrato sul piano societario, superando un momento difficile, e sono guidati da un allenatore esperto e quasi un "idolo" che da un ruolo societario è sceso in campo indossando di nuovo le scarpette per risollevare le sorti della squadra".

Sul fronte Jesina, mancheranno ancora all'appello Brighi e Tittarelli, non sarà disponibile Mattia Cardinali e Tafani resta in forte dubbio. "Alle defezioni dovremo rispondere sul campo affidandoci alle nostre qualità atletiche, stiamo crescendo soprattutto in fase di possesso palla, ma domenica servirà anche essere pronti a neutralizzare i loro attacchi". Mister bacci mette in guardia i suoi ragazzi: "Il Giulianova non è affatto una squadra giovane o priva di giocatori di qualità, hanno anzi in rosa dei professionisti e non sarà affatto facile. Dobbiamo dare continuità alle ultime prestazioni positive".

Nella giornata di ieri è arrivato da Roma il verdetto del ricorso presentato da Francesco Bacci contro la pesante squalifica per i fatti avvenuti durante la partita contro la Samb.
"Purtroppo non vale la prova televisiva, non è stato considerato l'errore di persona commesso dall'arbitro durante il momento di caos che si era creato. Ribadisco di non esseremi mai mosso dall'area tecnica durante la partita e le immagini mi danno ragione".

Prende così atto del riscorso respinto dalla Corte d'appello sportiva nazionale, alla quale la Jesina si era rivolta all'indomani della comunicazione della squalfica. Ancora senza risposta invece, il ricorso presentato da Tittarelli, che sta scontando una squalifica di 4 giornate, come anche quello presentato dalla società leoncella contro la diffida inflitta sempre nel match contro la Sambenedettese.



Questo è un articolo pubblicato il 07-11-2014 alle 23:50 sul giornale del 08 novembre 2014 - 979 letture