Abbondanzieri: “Tenere alta la qualità del livello del servizio idrico? Possibile, a patto che tutti facciano la propria parte”

01/12/2014 - Cresce il ruolo degli enti d'ambito e, nel corso del 2014 e` stato approvato il Piano degli Interventi ed il Piano Economico – Finanziario per la determinazione delle tariffe per gli anni 2014 e 2015 in applicazione del nuovo Metodo Tariffario Idrico della AEEGSI, Autorità per l'Energia Elettrica, Gas, Servizio Idrico.

Queste le principali novità che riguardano anche l'Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n.2 “Marche Centro – Ancona” che gestisce il servizio idrico in 45 comuni. “Le rilevazioni condotte dal nostro centro studi – dice la presidente Marisa Abbondanzieri che anticipa alcuni temi della presentazione della Relazione Annuale in programma ad Ancona il prossimo 10 dicembre - evidenziano che l'acqua a disposizione dei cittadini mantiene le caratteristiche ormai consuete e conosciute confermandosi intanto pubblica e soprattutto di buona qualità e complessivamente sufficiente a soddisfare il fabbisogno del territorio ma occorre che tutti gli attori della filiera rispettino gli impegni presi sia a livello nazionale che locale”. A livello nazionale la criticità resta legata alle difficoltà di finanziamento dei piani in assenza di fondi pubblici e di accesso al credito.

L’Italia e` tra gli ultimi in Europa per gli investimenti nel settore idrico ed rilancio degli investimenti nel settore, oltre ai grandi benefici diretti e indiretti di promozione del territorio, salvaguardia dell’ambiente e tutela della risorsa idrica, inoltre può rivestire un forte ruolo anticiclico rispetto all’andamento congiunturale, con crescita della domanda interna e positivi effetti sul mercato del lavoro. All'incontro in programma presso la Regione Marche nella Sala Raffaello sono invitati a partecipare tutti gli attori della filiera, stante la gestione in house da parte di Multiservizi Spa nella Provincia di Ancona e nei due comuni del maceratese Matelica ed Esanatoglia, confermata dal referendum del 2011.

Nel territorio dell'Aato 2 Marche-Centro Ancona le fonti di approvvigionamento sono di ottima qualità e la copertura del servizio acquedotto è pressoché totale, quella del servizio di fognatura superiore alla media nazionale, quella del servizio di depurazione conforme ai valori medi nazionali e in via di potenziamento.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2014 alle 01:12 sul giornale del 01 dicembre 2014 - 388 letture

In questo articolo si parla di attualità, marisa abbondanzieri, aato marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acij


Tarcisio Torreggiani

01 dicembre, 09:48
A quando la cancellazione degli Enti di Ambito, non possono essere sempre i soliti a fare sacrifici in questo periodo di crisi economica.