Pannolini lavabili al nido, premiato in Regione il progetto del comune 'Lavabile è sano'

2' di lettura 29/11/2014 - Nei giorni scorsi, presso la Sala Raffaello della Regione Marche, sono state premiare le migliori esperienze del territorio, pubbliche e private, in tema di prevenzione e riduzione dei rifiuti. Hanno partecipato al concorso tutti i soggetti della società civile che si sono adoperati per trovare soluzioni innovative ed efficaci al problema dei rifiuti, attraverso la loro riduzione.


Le azioni in concorso sono state valutate da una giuria composta dai rappresentanti degli enti promotori, Regione Marche, Upi Marche, Anci Marche, Legambiente Marche, Federambiente e Unioncamere. Le proposte candidabili dovevano avere come effetto la riduzione delle quantità di rifiuti prodotte e la riduzione degli impatti negativi che tali sostanze causano sull’ambiente e sulla salute umana. Sono stati considerati criteri premianti il carattere innovativo dell’iniziativa, gli aspetti di comunicazione e coinvolgimento di operatori e fruitori, gli aspetti quantitativi di risparmio dei materiali, l’occupazione generata, il valore etico e sociale. Tra le tante esperienze candidate, sei sono state quelle selezionate e premiate.

Tra queste figura il progetto del Comune di Jesi e dell’ATA Rifiuti della Provincia di Ancona denominato “Lavabile è sano!”. L’Assessorato all’ambiente e l’ATA hanno deciso di mettere in campo una concreta azione di riduzione dei rifiuti, che prevede la sostituzione dei pannolini usa e getta nelle strutture pubbliche tramite l'introduzione di pannolini lavabili. L’utilizzo di questa tipologia di pannolino è vantaggioso non solo per motivi ambientali, ma è anche consigliato da numerosi medici e pediatri, in quanto garantisce benefici alla salute del bambino: migliore traspirazione delle zone genitali, assenza di esposizione a sostanze chimiche, corretto sviluppo dell'articolazione delle anche, migliore percezione delle funzioni fisiologiche. Per tutti questi motivi si è deciso di intraprendere questo percorso che consentirà la progressiva eliminazione del pannolino usa e getta dagli asili comunicali.

“Tale azione - ha spiegato l’Assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano - ha previsto la determinante collaborazione delle educatrici e di tutto il personale dei nostri due nidi, oltre che quella di pediatri, ostetriche e associazioni del territorio. Pertanto, credo che questo riconoscimento vada condiviso con queste persone, che hanno dimostrato professionalità, entusiasmo e sensibilità, qualità indispensabili per avviare un’azione così complessa”. Un altro obiettivo che il progetto si è posto è quello di favorire la conoscenza e l’utilizzo del pannolino lavabile presso le famiglie jesine, proprio partendo dall’esempio dei nidi.

“Tramite il diretto coinvolgimento nel progetto delle famiglie dei bambini iscritti alle strutture pubbliche per l’infanzia - ha ricordato Matteo Giantomassi dell’Ufficio comunicazione ed educazione ambientale dell’ATA - si è potuto avviare un percorso formativo a loro riservato, che è culminato nell’assegnazione di un kit-prova di pannolini lavabili per testarne l’utilizzo in casa e proseguire l’esperienza avviata presso la struttura pubblica.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2014 alle 18:53 sul giornale del 01 dicembre 2014 - 2584 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, jesi, Comune di Jesi, premio, pannolini lavabili

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acfR





logoEV