Si alza il sipario sul XIV Festival Pergolesi Spontini dedicato ad Anita Cerquetti

04/12/2014 - “La febbre dell’oro” di Chaplin con musiche dal vivo, “Stabat mater” con Tiziano Scarpa narratore e il soprano Gemma Bertagnolli, la partecipazione dello scrittore Valerio Massimo Manfredi, Malika Ayane ne “Il Record dei Beatles” sono tra gli appuntamenti di spicco del XIV Festival Pergolesi Spontini dal 5 al 20 dicembre a Jesi, Loreto, Maiolati Spontini, Montecarotto, San Marcello.

Il tema del festival “Olimpie e Olimpia. Competizione e cimento in musica e non solo”, collegato al riconoscimento di Jesi “Città Europea dello Sport 2014”. Tra gli eventi, ouverture e ballabili dall’opera “Olimpie” di Gaspare Spontini con la direzione di Corrado Rovaris.

Il Festival 2014 è dedicato al soprano marchigiano Anita Cerquetti, grande interprete di Spontini, scomparsa lo scorso ottobre.

Da venerdì 5 dicembre prende il via il XIV FESTIVAL PERGOLESI SPONTINI, manifestazione internazionale a cura dalla Fondazione Pergolesi Spontini e dedicata ai due grandi compositori autori marchigiani, che prosegue fino al 20 dicembre a Jesi, Loreto, Maiolati Spontini, Montecarotto, San Marcello.

Il titolo del Festival 2014, “Olimpie e Olimpia. Competizione e cimento in musica e non solo”, è collegato al riconoscimento di Jesi di Città Europea dello Sport 2014. Filo conduttore è l’affinità che esiste tra le discipline artistiche e quelle sportive, in un percorso multidisciplinare che abbina musica, cinema, poesia e letteratura.

Undici gli appuntamenti musicali in cartellone e numerosi gli eventi collaterali, molti dei quali ispirati al tema del virtuosismo, dell’anelito verso il superamento dei limiti dell’interprete e dello strumento. Partecipano al Festival importanti solisti ed artisti di riferimento tra cui una delle voci più amate del panorama musicale italiano contemporaneo quale Malika Ayane, I Virtuosi Italiani – ensemble in residenza al Festival e formazione tra le più attive e qualificate nel panorama artistico internazionale – diretti da importanti direttori quali Timothy Brock, Alberto Martini, Corrado Rovaris, Aldo Sisillo, alcuni protagonisti della letteratura italiana quali Valerio Massimo Manfredi e il narratore Tiziano Scarpa.

Il Festival 2014 è dedicato al soprano marchigiano Anita Cerquetti, scomparsa lo scorso ottobre; l’artista ci ha lasciato una delle più belle interpretazioni spontiniane, con la famosa aria “O Re dei Cieli” tratta dall’opera Agnese di Hohenstaufen.

Il cartellone inaugura il 5 dicembre alle ore 21 al Teatro G.B. Pergolesi di Jesi: nel centenario della nascita del personaggio di Charlot, la Fondazione Pergolesi Spontini gli rende omaggio proiettando l’indimenticabile film di Charlie Chaplin “La febbre dell’oro”. La partitura originale della colonna sonora - composta dallo stesso Chaplin e sorprendente per virtuosismo e modernità - è stata per l’occasione minuziosamente ricostruita dal musicologo, compositore e direttore d’orchestra Timothy Brock, la cui fama mondiale di maggiore specialista della musica di Chaplin e del repertorio della prima metà del XX secolo è testimoniata dalla collaborazione con alcune tra le più prestigiose realtà orchestrali del mondo. Sabato 6 dicembre alle ore 21 presso la Pontificia Basilica della Santa Casa di Loreto, va in scena su musiche di A. Vivaldi e G. Ferrandini un concerto sulla Passione di Cristo vista dagli occhi della Vergine Maria, con la presenza dell’Accademia Barocca de I Virtuosi Italiani su strumenti originali, del soprano Gemma Bertagnolli e dello scrittore Tiziano Scarpa nella veste di narratore, che leggerà brani del suo romanzo “Stabat Mater” (Premio Strega 2009). L’evento rientra nel programma delle Celebrazioni Bramantesche a Loreto, In occasione dei 500 anni dalla morte di Donato Bramante.

Domenica 7 dicembre alle ore 21 al Teatro Comunale di Montecarotto nel concerto “Sacro Fuoco” il pianista Maurizio Baglini e I Virtuosi Italiani sono protagonisti di un omaggio a Fryderyk Chopin, l’autore che ha saputo coniugare al meglio l’aspetto atletico e virtuosistico con la bellezza struggente della sua vena melodica e poetica.

Lunedì 8 dicembre alle ore 17 al Teatro P. Ferrari di San Marcello, Roberto Loreggian al clavicembalo suona brani dedicati alla ‘battaglia’, forma musicale tipica della musica barocca rievocante le fasi di un combattimento, nel concerto dal titolo “Les caractères de la guerre”.

Venerdì 12 dicembre ore 21 al Teatro V. Moriconi di Jesi, appuntamento con il concerto “Gara Vocale. Da Farinelli a Velluti: l’arte vocale dei castrati”: l’Accademia Barocca de I Virtuosi Italiani accompagna su strumenti originali una divertente competizione tra due virtuosi del vocalizzo – il sopranista Paolo Lopez ed il contraltista Antonello Dorigo - che proveranno ad emulare famosi castrati come Farinelli, Senesino e Velluti.

Sabato 13 dicembre 2014 alle ore 21 ancora al Teatro Pergolesi di Jesi, il violino di Giovanni Angeleri, l’ultimo vincitore italiano del Concorso “N. Paganini” di Genova, e l’oboe di Paolo Pollastri, prima parte solista dell’Orchestra dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia, accompagnati da I Virtuosi Italiani, si sfideranno nel concerto “Superar se stessi…”. L’Ideazione scenografica è a cura di Elisabetta Salvatori.

Domenica 14 dicembre alle ore 17 al Teatro G. Spontini di Maiolati Spontini, si terrà la proiezione in full HD dell’opera “La fuga in maschera” di Gaspare Spontini andata in scena al Teatro Pergolesi nel 2012, in un allestimento in coproduzione tra Fondazione Pergolesi Spontini e Teatro San Carlo di Napoli. L’opera, premiata da un grande successo di pubblico e di critica (si ricorda tra l’altro il Premio Abbiati per la regia di Leo Muscato), è recentemente uscita in un nuovo dvd per la casa discografica tedesca EuroArts.

Domenica 14 dicembre alle ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi appuntamento con “L’arte dell’improvvisazione. Giochi di Montagna da Monteverdi al ‘900”, con I Virtuosi Italiani diretti da Alberto Martini ed il clarinetto jazz di Gianluigi Trovesi (orchestrazione di Corrado Guarino), in un progetto esclusivo che esplora e intreccia diversi universi musicali: dalle danze della tradizione popolare, alla musica rinascimentale e barocca, dalle tecniche improvvisative dell’avanguardia a nuove modulazioni su musiche verdiane e schubertiane.

Venerdì 19 dicembre alle ore 18 al Teatro Moriconi di Jesi lo scrittore, archeologo, storico e conduttore televisivo Valerio Massimo Manfredi incontra il pubblico accompagnato da Samuele Telari alla fisarmonica, per raccontare “L’atletismo nel mondo antico”, con spaccati della vita di uno sportivo di quasi tremila anni fa e tanti collegamenti all’Iliade ed all’Odissea.

Venerdì 19 dicembre alle ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi, nel concerto “Olimpiade - Olimpie”, con Corrado Rovaris sul podio de I Virtuosi Italiani, ed il soprano Gemma Bertagnolli, il Festival valorizza la figura di Gaspare Spontini con una preziosa anteprima dell’Olimpie, tragedia lirica dal grandioso impianto drammatico e musicale di cui verranno proposte l’ouverture e alcuni ballabili (questi ultimi in prima esecuzione in epoca moderna), accostata alle più belle arie e ouverture di Pergolesi, Vivaldi e Cimarosa ispirate dal più fortunato libretto della storia della musica: l’Olimpiade di Pietro Metastasio.

Chiudono il Festival Pergolesi Spontini Malika Ayane, una delle voci più amate del panorama musicale italiano contemporaneo ed interprete dalla solida formazione classica, ed I Virtuosi Italiani diretti da Aldo Sisillo, sabato 20 dicembre alle ore 21 al Palazzetto dello Sport E. Triccoli di Jesi in “I Record Dei Beatles”, concerto sulle celebri canzoni dei “FabFour” dai primi concerti ai grandi successi, in un evento che coniuga il classicismo di un’orchestra sinfonica con la storia della Popular Music e che si avvale degli arrangiamenti e orchestrazione di Gianantonio Mutto e di Raffaele Tiseo. L’allestimento scenografico è a cura di Benito Leonori.

Gli allestimenti di alcuni eventi del XIV Festival Pergolesi Spontini si avvalgono dell’ideazione scenografica di sette studenti dell’ABAMC Accademia di Belle Arti di Macerata, nell’ambito di un progetto formativo della Fondazione Pergolesi Spontini e dell’Accademia medesima. I ragazzi sono Paolo Andrenucci, Valentina Martini, Isako Mori, Tiziana Patrizi, Laura Perini, Irene Sbaffoni, Roberta Ulissi, che esporranno inoltre i propri progetti in una mostra allestita presso il Teatro Pergolesi da venerdì 5 dicembre e per l’intero corso del Festival.

Il XIV Festival Pergolesi Spontini, organizzato dalla Fondazione Pergolesi Spontini sotto la guida dell’Amministratore Delegato William Graziosi e con la consulenza artistica del M° Alberto Martini, si avvale del sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dei Soci Fondatori (Regione Marche, Comune di Jesi, Comune di Maiolati Spontini), dei Partecipanti Aderenti (Comuni di Monsano, Montecarotto, San Marcello), del Partecipante Sostenitore (Camera di Commercio di Ancona), dei Fondatori Sostenitori (Art Venture: Gruppo Pieralisi, Leo Burnett, Moncaro, New Holland-Gruppo Fiat, Starcom Italia), e del patrocinio del Consiglio Regionale delle Marche. Sponsor principale è Banca Marche.

Info: Fondazione Pergolesi Spontini: Tel. 0731.202944, www.fondazionepergolesispontini.com








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-12-2014 alle 17:49 sul giornale del 05 dicembre 2014 - 1717 letture

In questo articolo si parla di teatro, jesi, spettacoli, fondazione pergolesi spontini, festival pergolesi spontini, Anita Cerquetti, jesi città europea dello sport 2014, olimpie e olimpia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acvz