Maltempo: la piena del fiume Esino danneggia le strutture della Riserva regionale Ripa Bianca

1' di lettura 06/03/2015 - La piena del fiume Esino nella notte e mattinata tra il 05 e 06 marzo ha eroso diversi metri di sponda sinistra all’interno dell’area didattica “Sergio Romagnoli” ed ha reso inagibile il capanno di legno utilizzato come ripostiglio e deposito attrezzi dei nonni degli orti biologici sociali della Riserva e sta mettendo a rischio la strada di accesso alla sede della Riserva, che in assenza di pronti interventi sarà danneggiata seriamente.

Il personale della Riserva ha immediatamente sgomberato il capanno dagli attrezzi e dagli armadietti e transennato l’area per evitare l’accesso alle persone e consentire comunque la realizzazione delle attività. La Riserva rimane aperta alle visite del week-end e domenica prossima sarà organizzato un laboratorio artistico per i bambini nelle aree non interessate dalla piena del fiume. La situazione di forte criticità dell’area è presente dall’esondazione del fiume Esino avvenuta nel novembre del 2013 ed è stata segnalata più volte agli organi competenti.

Nonostante l’interessamento del Comune di Jesi nel risolvere la situazione non sono stati realizzati gli interventi di difesa spondale necessari e la situazione di rischio sta peggiorando. La Riserva Naturale sollecita la realizzazione urgente dei necessari interventi di consolidamento della sponda fornendo la propria disponibilità collaborare.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-03-2015 alle 17:12 sul giornale del 07 marzo 2015 - 1417 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, wwf, Riserva Regionale Ripa Bianca di Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agmg





logoEV