Piano Regolatore: imminente la partenza del piano di lottizzazione di via Togliatti

Massimo Bacci 3' di lettura 06/03/2015 - Il piano di lottizzazione di via Togliatti è il primo degli undici nuovi ambiti di urbanizzazione introdotti dal Piano regolatore del 2008, ad aver concluso il suo iter: è stato infatti approvato definitivamente nell’ultima seduta della Giunta comunale.

Si tratta dell’area compresa tra via Togliatti e via Agraria (a monte dell’Ospedale) destinata ad una trasformazione residenziale e pertanto ad un ambito di nuova urbanizzazione, la cui applicazione ha richiesto specifici approfondimenti da parte dei tecnici comunali, che si sono continuamente confrontati con i professionisti incaricati ed i proprietari dell’area al fine di definire un vero e proprio progetto pilota, al quale dovranno conformarsi i piani attuativi che verranno presentati da qui in avanti.

La progettazione ha puntato ad una elevata qualità dell’impianto urbanistico fino alla definizione delle tipologie edilizie, arrivando a definire anche il dettaglio costruttivo, quale la scelta dei materiali per la realizzazione delle aree pubbliche, delle recinzioni, il posizionamento delle rampe di accesso , le quote d’imposta dei fabbricati. Il completamento residenziale avverrà mediante la costruzione di 15 villette unifamiliari di due piani fuori terra che si attestano su delle piazze-parcheggio, poste perpendicolarmente rispetto a via Togliatti ed in asse con i percorsi esistenti. Il Piano prevede inoltre un’area, prospiciente il parco, da destinare all’edilizia residenziale sociale per circa 10/12 appartamenti, di cui circa la metà resteranno di proprietà del Comune, che riassegnerà attraverso specifico bando.

Il Piano ha fatto propri i criteri di progettazione eco-compatibili previsti dal Piano regolatore, sia alla scala urbanistica che alla scala edilizia, che hanno portato all’elaborazione di un vero e proprio progetto bioclimatico. Si è garantito il diritto al sole a tutti gli edifici attraverso la predisposizione di una mappa solare per l’orientamento dei lotti e sono state previste schermature verdi come barriera di protezione dai venti e per migliorare il microclima del nuovo completamento residenziale.

È stato inoltre effettuato un accurato studio della permeabilità dei suoli anche nell’ottica della mitigazione del rischio idraulico connesso alle impermeabilizzazioni ed un progetto della mobilità e della sosta che hanno ridotto al minimo le intersezioni con la viabilità esistente. L’area rappresenta una cerniera importante tra parti urbane differenti (quartiere Colle Paradiso a nord ed parco dell’Ospedale a sud) e quindi l’obiettivo del Piano inoltre è stato quello di stabilire relazioni con il contesto circostante, dando continuità al sistema delle aree pubbliche esistenti e rafforzando il disegno degli spazi verdi in questa parte di città.

Nella convenzione approvata i lottizzanti, a fronte della trasformazione residenziale, cederanno al Comune di Jesi una quantità di standard urbanistici (parcheggi e aree verdi) di gran lunga superiore alla dotazione minima di legge: oltre alle aree a parcheggio pubblico e a parco di vicinato a servizio direttamente delle residenze, verranno ceduti circa 16 mila metri quadrati (più di un ettaro e mezzo) per l'ampliamento del parco Murri.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-03-2015 alle 10:45 sul giornale del 07 marzo 2015 - 1442 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, Comune di Jesi, piano regolatore, Massimo Bacci, murri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agk5





logoEV