Troppi furti, ingresso 'vietato' ai politici che non fanno nulla: la protesta di un barista di Montignano

ufficio postale di montignano 1' di lettura 18/03/2015 - ‘Vietato l’ingresso ai politici’, con questo cartello affisso sulla vetrina del proprio bar un gestore di Montignano ha avviato la propria protesta contro chi governa.

Il titolare di un bar-pizzeria di via Oberdan, che si trova vicino all'Ufficio Postale, stanco di essere spremuto con le tasse e di non ricevere i servizi adeguati, ha deciso di ‘vietare’ l’ingresso ai politici. Coloro che, precisa alla stampa locale il barista, sono gli unici responsabili della situazione e dei furti che stanno esasperando la cittadinanza.

Infatti, tiene a precisare il barista, la colpa non è delle Forze dell'Ordine perchè loro fanno ciò che possono e quanto è nelle loro possibilità per prevenire i reati contro il patrimonio. E' la politica che deve intervenire con misure adeguate ma non lo fa.

Pertanto l'uomo, che ha trascorso una notte intera all’interno del proprio locale per difenderlo dai ladri, ha affermato di non voler tesserati ad un partito tra i propri clienti. Alcuni cittadini avevano difatti notato la presenza di due uomini che con fare sospetto si aggiravano attorno all’esercizio comunale controllando finestre e serrature. I carabinieri, intervenuti subito sul posto, avevano perlustrato la zona senza però trovare traccia delle persone segnalate. Da qui l'estrema decisione per cercare di salvare il frutto di tanti sacrifici ed il lavoro di una vita: i danni in questi casi sono molto superiori al bottino.






Questo è un articolo pubblicato il 18-03-2015 alle 16:16 sul giornale del 19 marzo 2015 - 2413 letture

In questo articolo si parla di cronaca, montignano, Sudani Alice Scarpini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agVd