Cpl Concordia, Movimento 5 Stelle: 'Strano nervosismo del sindaco'

movimento 5 stelle generico 5' di lettura 08/04/2015 - Uno strano nervosismo quello del Sindaco di Jesi Massimo Bacci.

Addirittura un comunicato stampa con dichiarazioni scomposte ed esagerate in risposta ad un semplice post pubblicato sulla mia pagina personale di un noto social network. Nello stesso davo semplicemente notizia, in maniera asettica e senza commenti, dell'affidamento dell'appalto “servizio energia” del Comune di Jesi nel 2011 alla ormai celeberrima cooperativa emiliana CPL Concordia. Tale fatto, etichettato come "insinuazione" dal Sindaco, è bastato per vederlo lanciato in vuote accuse di "tendenziosità", slealtà e disonestà.

Non capisco cosa ci sarebbe di tendenzioso o di disonesto nello scrivere:

“CPL CONCORDIA A JESI

- 09.01.2014 784mila euro dal Comune nel 2014 (appalto servizio energia del 2011): http://www.comune.jesi.an.it/beneficiari/provvedimenti/documenti/determina%2023_2014.pdf

- 11.10.2013 172mila euro dal Comune di Jesi ( SERVIZIO INTEGRATO DI GESTIONE E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI E DI CONDIZIONAMENTO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI COMUNALI): http://www.comune.jesi.an.it/beneficiari/provvedimenti/documenti/determina%20939_2013.pdf

- 07.01.2015 519mila euro [CONTRATTO DI FORNITURA CON CPL CONCORDIA (APPALTO SERVIZIO ENERGIA). IMPEGNI DI SPESA]: http://www.comune.jesi.an.it/opencms/export/jesiit/sito-JesiItaliano/Contenuti/comune/Trasparenza/Provvedimenti/Area-servizi-tecnici/visualizza_asset.html_1881003271.html ”

L'appalto in questione sarebbe per la manutenzione ordinaria e straordinaria e per la fornitura di metano negli edifici del Comune (scuole, palestre, ecc...) e lo stesso Sindaco conferma nella sua reazione di oggi quanto avevamo pubblicato, ovvero un valore delle rate annue conferite alla cooperativa di circa 700 mila euro l'anno, per nove anni. Il tutto per un valore dell'appalto di circa 6,5 milioni di euro. Ringraziamo il Sindaco perché con la sua scomposta reazione di oggi alle nostre comunicazioni contribuisce a diffonderle ancora di più ed a far conoscere informazioni che, forse, senza il nostro intervento, non sarebbero mai state portate adeguatamente alla pubblica attenzione.

Da fonti stampa di questi giorni è emerso un possibile quadro sconcertante e gravissimo attorno alla cooperativa CPL Concordia, grazie ad una indagine svolta dalla magistratura di Napoli. Lo stesso manager della coop Cpl Concordia Francesco Simone che teneva rapporti con i politici amministratori pubblici avrebbe ammesso l’esistenza di un sistema corruttivo, rivelando il meccanismo che avrebbe consentito alle società di aggiudicarsi gli appalti truccati in diversi comuni. Dalle medesime fonti risulterebbe come CPL Concordia, secondo un protocollo ben consolidato, avrebbe affidato consulenze (più o meno fittizie), ovvero avrebbe individuato subappaltatori o fornitori segnalati dai soggetti pubblici che poi gli facevano aggiudicare gli appalti o che gestivano le pratiche amministrative.

Davanti a queste notizie ritengo un mio diritto come cittadino ed un mio dovere come consigliere comunale controllare come siano andate le cose a Jesi. E la reazione spropositata ed inspiegabile di Bacci ci dà una motivazione ancora maggiore per approfondire l'argomento. Mi sarei aspettato di trovare un sindaco che si fosse posto la questione per primo, non uno che si accalora solo perché un consigliere comunale diffonde semplicemente informazioni, atti e determinazioni dirigenziali (per altro pubbliche e presenti sul sto del Comune).

Intanto, poiché le polemiche sterili non ci interessano, poniamo a Bacci alcune domande:

- l'appalto risale all'epoca della precedente amministrazione (2011), tuttavia chiediamo di sapere se è stato disposto dalla attuale amministrazione e dell'attuale sindaco un supplemento istruttorio o un riesame di tutta la procedura di gara per l'affidamento di tale servizio importantissimo ed economicamente rilevante per la città, ai fini di accertare e verificare la piena correttezza di tutto il procedimento. Se sì, con quali atti il sindaco ha disposto tale eventuale riesame?

- sulla base di quali criterio è stato fissato nel 2011 l'importo a base di gara e di quanto è stato l'eventuale ribasso di CPL che si è aggiudicata l'appalto?

- quanti e quali erano le altre ditte che hanno partecipato alla gara?

- gli impianti termici che eventualmente rientrano nella gestione appaltata a CPL erano stati rinnovati e/o su essi erano stati fatti investimenti a carico del Comune, prima della gara?

- sono stati fatti subappalti dalla CPL? Eventualmente, a chi? A quali ditte?

- in generale, un servizio come quello della manutenzione degli impianti termici delle strutture comunali (scuole, palestre, ecc...) soprattutto per periodi relativamente lunghi (es.9/10 anni) potrebbe comportare un alto grado di indeterminatezza dei costi che si dovranno sostenere. Ci potrebbero infatti essere problemi rilevanti (ad esempio agli impianti) che potrebbero aumentare notevolmente i costi, oppure potrebbe filare “tutto liscio”, permettendo quindi costi minori. E' evidente, quindi, che i margini di guadagno per la ditta appaltatrice potrebbero essere estremamente variabili. Sulla base di quali criteri oggettivi, quindi, è stata valutata l'offerta economica della CPL? E il Sindaco Bacci è d'accordo con il suo predecessore Belcecchi del PD sulla scelta di avere esternalizzato tale servizio, affidandolo con gara di appalto?

Presenteremo queste domande (e altre) in una prossima interrogazione alla quale il Sindaco dovrà rispondere obbligatoriamente, ai sensi di Regolamento. Se però vuol farci guadagnare tempo e dare intanto a noi cittadini subito e pubblicamente queste risposte, gliene saremo grati.

Vediamo se la solerzia con cui polemizza è pari a quella con cui dovrebbe informare i cittadini su vicende come questa in cui sono in ballo milioni di euro di soldi pubblici del Comune.

Intanto, prendo atto del silenzio assordante del PD di Jesi e regionale sulla questione. Strano che lascino così solo il “civico” Bacci di fatto a difendere anche l'operato della vecchia amministrazione PD e delle coop emiliane che vincono appalti nel nostro territorio...


da Massimo Gianangeli
Movimento 5 Stelle Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-04-2015 alle 22:59 sul giornale del 09 aprile 2015 - 1132 letture

In questo articolo si parla di attualità, Massimo Gianangeli, Movimento 5 Stelle, Cpl Concordia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ahNO





logoEV