Jesi in rima: una poesia di Marinella dedicata al primo maggio

festa dei lavoratori 1' di lettura 01/05/2015 - Appuntamento del sabato con la rubrica Jesi in rima dedicato alla festa dei lavoratori.





PRIMO MAGGIO


Primo maggio pazzerello

metà sole metà ombrello,

nà metà ne và in campagna

n’antri po’ và su in montagna.


Pé gì al mare ancora spètta

che và via la nuvoletta!


El cestino da merenda

diventàdo già leggenda

bello pieno de formaggio

pianta oggi ‘l primo maggio.


Le radici de la fava

come sempre noi se usava

cò nà fetta de salame

porta via tutta la fame,

po’ se giòga sopra ‘l pràdo

in mezzo all’erba a tirà ‘l dado

cò la palla e le boccette

a zompà cò le staffette!


El goccetto de vì bòno,

ché scì lampa parte ‘l tòno,

non spaventa più nisciù

tutti fòri sgarzellù!


Festa dei LAVORATORI

solo a voi tutti l’onori

riposadeve Jesini

bravi e onesti cittadini!!!






Questo è un articolo pubblicato il 01-05-2015 alle 10:18 sul giornale del 02 maggio 2015 - 1565 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesia, poesie, festa dei lavoratori, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aiPg

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV