Chiaravalle: Referendum Possibili, attivato il primo banchetto per la raccolta firme

1' di lettura 31/08/2015 -  La mattina di domenica 30 agosto i volontari del Comitato per i Referendum Possibili di Chiaravalle hanno allestito il primo di una serie di banchetti per la raccolta di firme tra i cittadini.

Tante le persone che si sono fermate per firmare i moduli, o anche solo per discutere dei quesiti e avere informazioni sulla campagna che si sta portando avanti. Insomma, nonostante la bella giornata estiva e una città ancora per metà svuotata, il comitato ha centrato un primo piccolo obiettivo, che è quello di far conoscere i temi oggetto dei referendum.  

I quesiti sono 8 e puntano in particolare ad abrogare la norma che introduce i presidi manager nelle scuole; ad eliminare l'Italicum, almeno nella parte che prevede capilista bloccati e candidature plurime; ad impedire le trivellazioni in mare e a superare la politica delle “grandi opere” che troppo spesso si traducono in corruzione e malaffare; a cancellare le norme del Jobs Act che permettono demansionamento e licenziamenti illegittimi.  

I chiaravallesi che vogliono firmare i moduli possono recarsi in Municipio con un documento d'identità, oppure avvicinarsi ai banchetti che verranno allestiti per le vie del centro. Il prossimo è in programma mercoledì pomeriggio (dalle 17 alle 19 circa) in piazza Garibaldi.

Per saperne di più sull'attività del comitato dei referendum c'è la pagina Facebook (Referendum Possibili Chiaravalle) o la mail (chiaravallepossibile@gmail.com). Info sui referendum sono invece disponibili sul sito referendum.possibile.com.


da Comitato Referendum Possibili
Chiaravalle







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-08-2015 alle 03:05 sul giornale del 31 agosto 2015 - 1002 letture

In questo articolo si parla di attualità, chiaravalle, Comitato Referendum Possibili

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/anCN





logoEV