Quantcast

Chiaravalle: il diario di un prigioniero di guerra chiaravallese portato in scena da 'La Macina'

la macina 2' di lettura 13/10/2015 - La poesia in musica della Macina per rendere immortali le parole di un chiaravallese testimone degli orrori della guerra. Il concerto-spettacolo “Finisco perché non ho più voglia di allungare” andrà in scena al teatro Valle di Chiaravalle domenica 18 ottobre alle ore 21,15.

Un evento unico e davvero imperdibile, organizzato dall'Anpi “Edo Magnalardo” con il patrocinio del comune di Chiaravalle. Sul palco due attori, Filippo Paolasini e Paola Ricci, leggeranno il breve diario postumo del chiaravallese, di origine pugliese, Angelantonio Lavalle, intitolato dallo stesso autore “Prigioniero di Guerra – Lavalle Angelo –stamlager XVIIIA”. I brani del diario saranno inframezzati dalle canzoni che il gruppo della Macina ha composto appositamente per questo spettacolo, musicando inediti di poeti contemporanei, tra i quali Francesco Scarabicchi, Allì Caracciolo, Giovanni Rapetti. Il concerto-spettacolo prende il titolo dalla frase con cui Lavalle chiude improvvisamente il suo toccante diario ed ha come sottotitolo lo stesso titolo che Angelo diede al suo breve e profondissimo diario di prigionia.

Gli scritti rievocano il periodo della prigionia di un soldato italiano trentenne ma sono una viva testimonianza del dolore che tanti altri giovani hanno dovuto vivere in quei tragici anni. Il diario e lo spettacolo che ne è stato tratto sono anche un monito ai giovani, affinché anche una piccola storia come questa possa contribuire a far riflettere e a far crescere questa Italia troppo spesso smemorata. La speciale serata sarà anticipata, alle ore 18, dalla presentazione del libro “Prigioniero di Guerra – Lavalle Angelo –stamlager XVIIIA” edito dal Centro Tradizioni Popolari e curato da Gastone Pietrucci. Il libro, aperto da una riflessione del critico letterario Massimo Raffaeli, ripropone per intero il diario di Lavalle e raccoglie fotografie e preziosi documenti inediti.

Interverranno alla presentazione Damiano Costantini, sindaco di Chiaravalle, Cristiano Cecchini, presidente dell'Anpi “Edo Magnalardo”, Giulia Lavalle, figlia di Angelo, Gastone Pietrucci e Marco Gigli de La Macina, Filippo Paolasini, uno dei due attori dello spettacolo. Entrambi gli eventi sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-10-2015 alle 10:27 sul giornale del 14 ottobre 2015 - 1579 letture

In questo articolo si parla di chiaravalle, spettacoli, gianluca fenucci, la macina

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ao84





logoEV
logoEV