Quantcast

Chiaravalle: seminario su abbandono scolastico, 50%studenti pentiti. Uil 'Orientamento carente'

Libri scolastici scuola generico 1' di lettura 17/10/2015 - In Italia 2,9 milioni di ragazzi, negli ultimi 15 anni, non sono arrivati al diploma.

Più della metà degli abbandoni arriva dopo il secondo anno: nelle Marche sono il 9,3% degli iscritti, sotto la media nazionale del 14,8%. Il dossier di Tuttoscuola sulla dispersione scolastica cita anche Confindustria che ha calcolato in 32,6 miliardi il costo sociale dei neet, giovani che hanno smesso di studiare ma non lavorano.

Nella nostra regione sono circa 47mila. Se ne è parlato sabato a Chiaravalle alla giornata conclusiva del seminario organizzato da Irase Ancona e Fondazione Montessori per analizzare e contrastare il fenomeno della dispersione scolastica.

"Il 50% degli studenti si dice pentito della scelta dopo il primo anno di superiori - ha sottolineato Noemi Ranieri, segretaria nazionale Uil Scuola - e questo ci dice che dobbiamo intervenire sull'orientamento, elemento carente nel nostro sistema. Dobbiamo farcene carico".

Il teatro Valle ha ospitato gli interventi di Cesare Porcelli (direttore dipartimento Neuropsichiatria infantile Asl di Bari), Antonio Cartelli (docente università di Cassino e Lazio Meridionale) e Monica Tola (Caritas) e Maria Dentamaro (dirigente scolastico Ic Mazzini Modugno di Bari).

"È nostra intenzione - ha concluso la Ranieri - lanciare a livello nazionale un concorso di idee per per progetti che possano intervenire sul fenomeno della dispersione scolastica. Vogliamo istituire un premio nazionale per incentivare la comunità del mondo della scuola. La scuola deve dare risposte: è il motore di una società civile e moderna






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-10-2015 alle 23:22 sul giornale del 19 ottobre 2015 - 680 letture

In questo articolo si parla di attualità, chiaravalle, seminario, abbandono scolastico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/apk4





logoEV
logoEV