Quantcast

Chiaravalle: i consiglieri Camerucci e Spinsanti ' L'Ospedale chiude i battenti'

Siamo Chiaravalle 2' di lettura 10/11/2015 - “L’ospedale Montessori chiude i battenti!”. Silvia Camerucci e Giovanni Spinsanti, consiglieri comunali della lista Siamo Chiaravalle, lanciano il grido d’allarme ed affermano che “i cittadini devono sapere che se avessero bisogno di cure non possono più confidare per la propria salute sul loro storico ospedale”.

“Al Montessori – affermano - non sarà più possibile ricoverarsi: finisce così tristemente questo importante servizio che tanto ha dato alla comunità e tanto poteva offrire. Dopo anni di pessima gestione politica e amministrativa, locale e regionale, l’epilogo è ormai vicino: dall’1 dicembre, infatti, sarà trasformato in casa della salute. Diffidate di chi vi dice che rimarrà tutto come prima: non è vero! Non è affatto chiaro infatti quali sono le funzioni che l’ospedale dovrà svolgere, visto che l’assistenza sanitaria degli ospiti della struttura sarà affidata ai medici di base, che non potranno fare altro che somministrare le stesse tipologie di farmaci e terapie che si fanno a casa o nell’ambulatorio del medico. Chi potendo curarsi a casa preferisce andare in ospedale?”. Secondo i consiglieri di opposizione la casa della salute è un ulteriore step verso la definitiva chiusura perché con questa trasformazione l’ospedale viene completamente svuotato delle sue funzioni. “Si vuole solo procrastinarne l’agonia rendendo servizi inutili che nessuno richiederà e creare così un valido alibi di non sostenibilità economica per la definitiva chiusura con la rassegnazione di tutti ed il minor impatto politico possibile. Anche la riduzione già attuata del servizio del punto di primo intervento alle sole ore diurne fa parte di questo programma.

Gli sfortunati pazienti che si recano all’ospedale di Chiaravalle nelle ore notturne trovano tutt’al più un’ambulanza pronta a dirottarli a Jesi o Senigallia”. Siamo Chiaravalle polemizza col PD locale e con l’assessore Amicucci che dimostrerebbero un atteggiamento passivo e incoerente. “Che fine ha fatto la convenzione con l’ospedale di Torrette, sponsorizzata dai dipendenti dell'ospedale e dal sindaco, che avrebbe garantito alcuni posti di lungodegenza e una chirurgia breve? Perché è stata osteggiata dal PD locale? Perché creare le lungodegenze di Jesi a discapito della Bassa Vallesina? A questo punto tutte le lotte sostenute, le rimostranze con i sindaci del comprensorio nei confronti della Regione sono risultate vane e utilizzate solo per scopi elettorali”.

Camerucci e Spinsanti chiedono che venga fatta chiarezza sull’ospedale in un consiglio comunale aperto.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-11-2015 alle 09:56 sul giornale del 11 novembre 2015 - 1014 letture

In questo articolo si parla di attualità, chiaravalle, gianluca fenucci, Siamo Chiaravalle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aqfj





logoEV
logoEV