Attività produttive ed edilizia: si va verso pratiche soltanto telematiche

16/11/2015 - Servizi telematici sempre più avanzati alle imprese e ai cittadini per ottimizzare tempi e fornire risposte puntuali su attività produttive, commercio, ambiente ed edilizia privata.

È stato infatti assegnato l'appalto per la realizzazione di un nuovo portale informatico con l'obiettivo di uniformare e velocizzare i processi sia dello Sportello Unico per le Attività Produttive sia dello Sportello Unico Edilizia ed evitare così file in Comune, oltre a trasmettere pratiche in tempo reale tra i vari uffici interni o agli altri enti competenti per il rilascio di autorizzazioni, permessi, pareri e così via. Le modifiche interesseranno tanto il front quanto il back office dello Sportello Unico per le Attività Produttive e dello Sportello Unico per l'Edilizia. In sostanza, il portale oltre a pubblicare la modulistica per le varie richieste, darà per la prima volta la possibilità di compilazione dinamica della domanda on line da parte dell’utenza con meccanismi di blocco dell’invio in caso di errore o incompleta compilazione e dunque costituendo un primo importante filtro.

Permetterà inoltre di inoltrare via web le segnalazioni delle istanze, l'accesso alle informazioni sullo stato di avanzamento delle pratiche, un sistema di calcolo dei diritti di segreteria, il pagamento on line dei diritti e degli oneri. Novità anche per il back office con i dati trasmessi dalle imprese e dall’utenza in sede di compilazione che arriveranno sulla scrivania dell’operatore già protocollati e fascicolati, con la possibilità di inoltrare le segnalazioni/istanze ad altri uffici e agli Enti terzi immediatamente oltre ad una ottimale gestione di tempi e scadenze. Il nuovo investimento sulle tecnologie informatiche di attività produttive, commercio, ambiente e edilizia privata è contenuto nel piano triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento dell'Ente che prende in esame, sul fronte informatico e tecnologico, anche altri importanti interventi: una maggiore spinta sulla digitalizzazione dei documenti cartacei e l'utilizzo di documenti in formato elettronico, l'utilizzo di software a licenza gratuita, la gestione di stampanti condivise tra Uffici.

Controlli e verifiche, sulla base dei regolamenti approvati, anche per la gestione della telefonia mobile e delle autovetture di servizio relativamente all'utilizzo da parte dei dipendenti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-11-2015 alle 12:27 sul giornale del 17 novembre 2015 - 612 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, Comune di Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aquK