Jesi in rima: dalla presentazione del suo libro 'Mi diletto in dialetto' una frizzante poesia di Marinella

La presentazione del libro di Marinella Cimarelli 2' di lettura 21/11/2015 - Marinella Cimarelli, fresca di presentazione del suo ultimo libro "Mi diletto in dialetto", dedica la poesia della rubrica Jesi in rima all'evento di sabato pomeriggio che si è tenuto presso la sala ex II circoscrizione San Francesco.

La scrittrice ripercorre la serata e ringrazia tutti, ma siamo noi a ringraziare lei per il suo talento e la sua jesinità frizzante.
Per chi lo cercasse, il libro "Mi diletto in dialetto" è disponibile presso la Libreria Cattolica di Jesi.



DILETTANDOMI CON VOI


Quanta bella gente alla presentazione,

curiosa, gentile e vestita per l’occasione!

Una sala gremita di facce sorridenti,

qui voglio ringraziare  tutti i presenti.


La mia ex insegnante, Antonietta Pieralisi,

le compagne di scuola, e tanti altri visi

di persone simpatiche, una vera sorpresa,

oggi la mia vita rimane sospesa

fra entusiasmo e diletto, ancora stamattina,

mentre mi muovo tra tinello e cucina.


Il mio cuore è grato agli Illustri Relatori,

che hanno incantato i nostri Spettatori.


Al Prof. Ramini, ch’è riuscito a reperire

notizie dettagliate, in un divenire

tornato attualissimo da un vecchio passato,

mostrandosi preparatissimo e molto accurato.


Al Dr. Del Piano, che da bravo specialista

ha saputo mettere correttamente in vista

come il dialetto rappresenti una Cultura

attribuendo ad esso con la massima cura

il valore che spetta perché……il  ‘fadigà’

non ha proprio uguali, non c’è niente da fa!


Grazie ai miei parenti, sorelline in testa,

che si sono suddivise con un’altra festa,

correndo trafelate un po’ di qua e un po’ di là

perché a quest’evento “non se poteva manca’  ”.


Grazie alla amichette del Gruppo “Feisbukkiano”

dell’AMICO JESINO VICINO E LONTANO.


Un grazie golosissimo a ‘NOTE DI DOLCE’,

avrei avuto voglia di fare la pulce

pur di assaggiare le stuzzicherie

i cicci bignè e quelle leccornìe

prima che finisse per me la serata

ma sono stata brava, compunta educata….


Ho atteso la fine poi ho fatto razzia

mamma che bontà Franceschina mia!


Un abbraccio con affetto e soprattutto stima

anche alla mia carissima amica Cristina,


Capo Redattrice di questa rivista,

che più passano i giorni più la gente conquista…


Poi  non dimentichiamo chi ci ha aperto le porte

sennò ci toccava chissà quale sorte…

e siccome so’ tonta e non ricordo il suo nome

chiedo l’aiuto delle altre persone

Alberto, Roberto….e vatte a ricordà

 e quanno lo rivedo lo devo abbraccià!!!!


GRAZIE A TUTTI, grazie Cristina








Questo è un articolo pubblicato il 21-11-2015 alle 21:18 sul giornale del 23 novembre 2015 - 2150 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesia, jesi, dialetto, presentazione libro, poesie, vincenzo del piano, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima, Antonio Ramini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqJT

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV