Salvataggio Banca Marche, Ricciatti (Sinistra Italiana): 'Luci e ombre'

On. Lara Ricciatti 24/11/2015 - “Il salvataggio di Banca Marche, insieme agli altri tre Istituti di credito a rischio fallimento, è una operazione con luci ed ombre; se da un lato si è evitato il ‘bail in’ ed il coinvolgimento diretto dei correntisti, dall’altro si aprono scenari imprevedibili per il controllo di un vettore fondamentale per l’economia del nostro territorio”.


Ad affermarlo l’on. Lara Ricciatti di Sinistra Italiana, tra le prime parlamentari ad intervenire sulle criticità di Banca Marche già nel 2013, con una interrogazione dove veniva chiesta maggiore trasparenza sulle condizioni di salute e sulla gestione dell’Istituto.

“Una vicenda che arriva oggi ad un epilogo in parte positivo - continua - ma non privo di incognite. Se al momento sono stati salvati i posti di lavoro, i correntisti e la solidità della nuova ‘banca ponte’, il compito affidato agli amministratori è quello di vendere la Nuova Banca Marche in tempi brevi e al miglior offerente. Resta da capire chi saranno gli acquirenti e se la banca verrà ceduta per intero o si procederà al classico ‘spezzatino’ di asset e filiali, con le prevedibili ripercussioni sui lavoratori, che non godono nemmeno di ammortizzatori sociali. Così come è tutto da scoprire l’esito del progetto di banca a vocazione territoriale, fondamentale strumento di supporto e sviluppo per la nostra imprenditoria, sul quale gli ultimi governi regionali si erano spesi, almeno a parole”.

“Sono stati commessi molti errori in questi ultimi anni, e le Fondazioni bancarie non sono esenti da responsabilità. Mi auguro che queste tornino a svolgere il loro ruolo istituzionale e che chi ha sbagliato assuma la responsabilità di una perdita di patrimonio così consistente”.

“In questa nuova fase - conclude Ricciatti - credo sia più proficuo continuare a monitorare gli sviluppi della vicenda, piuttosto che brindare ad una vittoria, sia perché il salvataggio non è stato privo di perdite (sopratutto per tanti piccoli azionisti), sia perché la perdita del controllo di Banca Marche potrebbe costare al territorio anche di più”.


da On. Lara Ricciatti
Deputata Sinistra Italiana





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-11-2015 alle 21:16 sul giornale del 25 novembre 2015 - 1268 letture

In questo articolo si parla di attualità, banca marche, Parlamento, lara ricciatti, SeL, salvataggio, sinistra italiana

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqRQ


Luigi Alberto Weiss

26 novembre, 09:16
Onorevole, ma lei conosce i piccoli azionisti, autentiche e sole vittime di questo disastro benedetto dai diversi governi, nazionale e regionale, di centrosinistra? E perchè non sollecita la magistratura a chiudere questa indagine che va avanti da anni, quando i fatti sono più che chiari? Ex amministratori, dirigenti e funzionari che hanno concesso crediti senza garanzie VERE, godono forse di una speciale immunità? rnSI MUOVA ANZICHE' CHIACCHIERARE!