Quantcast

Calcio: una bella Jesina torna alla vittoria

3' di lettura 06/12/2015 - Bella partita al Carotti, tra Jesina e San Nicolò e, proprio per questo, per la squadra di Bugari, arrivano tre punti d’oro, che cancellano le due ultime sconfitte consecutive, anche e soprattutto sul piano del gioco.

 

Si è vista infatti all’opera una Jesina ben schierata in campo, precisa e puntuale su ogni pallone, che ha cercato di coprire e togliere, alla pur brava avversaria, ogni spazio, non disdegnando, in alcune fasi, un po’ di pressione sulla tra quarti difensiva abruzzese, bloccando o quanto meno ritardando le ripartenze.

Non è il San Nicolò che ci si aspettava; proprio in settimana il cannoniere Margarita, 9 reti in 14 match, ha salutato la truppa, per non meglio precisati motivi personali. Lo stesso tecnico ospite Epifani ha minimizzato, con eleganza, lasciando intendere che, in ogni caso, gli altri hanno fatto il loro dovere: come dargli torto, vista la maniera in cui la sua squadra ha giocato al Carotti!

La prima occasione da rete è proprio per il San Nicolò, al 13’: bel triangolo, in un fazzoletto di campo, tra Casolla e D’Egidio, sul passaggio di ritorno all’indirizzo di Casolla, si inserisce Fatica, allungando una gamba. Di fatto la nuova traiettoria favorisce l’attaccante, che però fallisce miseramente la mira, mandando sul fondo.

Al 21’ la Jesina passa in vantaggio: Cardinali prova la conclusione dal limite, sul rimpallo con il difensore Rapino, la palla arriva sui piedi di Trudo, che ruba il tempo a tutti, portiere compreso, mandando in fondo alla rete. 1-0!

La risposta della squadra di Epifani arriva al 24’; diagonale di Merlonghi, spedito in angolo da Niosi. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina, Casolla spunta tra un nugolo di difensori colpendo di testa. La palla finisce sulla parte alta della traversa.

E’ l’ultimo vero pericolo corso dalla retroguardia della Jesina, per tutto il match.

Al 30’ bella azione personale di Ragatzu, che conquista palla, in scivolata, sulla tre quarti, entrato in area lascia partire un diagonale, deviato in angolo da un difensore.

Ancora un pericolo in area ospite, al 42’. Trudo cerca il colpo a sorpresa, ma la sua rovesciata acrobatica, spalle alla porta, finisce alta.

Nella ripresa la Jesina continua a presidiare al meglio ogni angolo di campo e il San Nicolò non riesce a creare vere occasioni da rete.

La Jesina al contrario sfiora la rete della sicurezza, al 29’ quando Piersanti (entrato al posto di Cameruccio), arriva in ritardo sul cross di Trudo, a difesa battuta e al 47’, quando il tiro di Alessandroni, che ha sostituito Ragatzu sei minuti prima, colpisce al corpo un difensore.

Ma forse, al di là della chiara legittimità del successo, lo 0-2 sarebbe stata una punizione eccessiva per il buon San Nicolò visto al Carotti.

  

JESINA-SAN NICOLO’ 1-0

Jesina: Niosi, Calcina, Sassaroli, Arati, Tafani, Fatica, Ambrosi (34’ st Pierandrei), Cardinali, Trudo, Ragatzu (41’ st Alessandroni), Cameruccio (13’ st Piersanti). All.: Bugari.

San Nicolò: Calore, Pretara, Mozzoni, Brighi, Rapino, Petronio, Chiacchiarelli (43’ st Cichella), Donatangelo, Casolla, Merlonghi (12’ st Massetti), D’Egidio (12’ st Moretti). All.: Epifani.

Arbitro: Ayroldi di Molfetta.

Reti: 21’ pt Trudo

Note: spettatori 750 circa; ammoniti 10’ pt Casolla, 19’ pt Cameruccio, 37’ pt Arati, 5’ st Calcina, 18’ st Petronio, 27’ st Mozzoni. Calci d’angolo 6-3.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-12-2015 alle 17:58 sul giornale del 07 dicembre 2015 - 1194 letture

In questo articolo si parla di sport

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/arlQ





logoEV