Quantcast

Prima lo fa spogliare via webcam, poi lo ricatta

prostituzione su internet 1' di lettura 21/12/2015 - Ormai il web è diventato la nuova frontiera del crimine. A farne le spese soprattutto i neofiti, che poca dimestichezza hanno con i sistemi informatici.

E’ accaduto in Vallesina, dove un giovane 30 enne, poco avvezzo alla tecnologia, su un social network ha ricevuto la richiesta di amicizia di una avvenente ragazza, che ha dichiarato risiedere in Italia.

Dopo circa una settimana di conversazioni i due entrano in confidenza, sino al punto che la giovane donna gli si mostra nuda in webcam.

Il ragazzo, pensando oramai che quel comportamento fosse frutto di un atteggiamento disinteressato oltre che naturale conseguenza di una confidenza consolidata, accetta anche lui di spogliarsi in diretta.

Non appena egli termina la sua performance, ecco però l’amara verità: la ragazza gli chiede 1.300,00 euro di riscatto del video che lo ritrae nudo, da versare su una carta di credito prepagata, altrimenti le sue immagini sarebbero finite in rete.

Il giovane, dapprima sconvolto per quanto gli era accaduto, il giorno dopo trova il coraggio di denunciare tutto ai Carabinieri della Stazione di Jesi, dove gli uomini del Luogotenente ROSSI hanno subito avviato le indagini per risalire all’identità della sconosciuta.

Intanto è stata redatta un’informativa diretta alla Procura della Repubblica di Ancona, nella quale si ipotizza il reato di tentata estorsione a carico di ignoti, certi che a breve verrà dato un nome alla ricattatrice.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 21-12-2015 alle 11:35 sul giornale del 22 dicembre 2015 - 1822 letture

In questo articolo si parla di cronaca, prostituzione, internet, jesi, sesso, web, nudo, donna nuda, cristina carnevali, articolo, Ricatto sessuale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/arRm





logoEV