Quantcast

Sanità Area Vasta 2, Fp CGIL: 'La regione fa il riordino senza i dovuti e promessi confronti'

Fp Cgil 3' di lettura 20/01/2016 - Rispondendo al Governatore Ceriscioli, il riordino non è che c’è perché imposto dalla legge nazionale. Il riordino c’è in quanto, ed è un dovere di tutti, occorre innanzitutto razionalizzare e combattere gli sprechi e certi costi, a partire dalla politica.

Ma la strada sarebbe quella della “qualità della partecipazione e del confronto”, sempre.

A riguardo, proprio il Governatore, appena insediatosi, aveva assunto un preciso impegno firmando il Protocollo d’Intesa Programmatico regionale con le parti sociali il 27/07/2015.

Proprio a causa dei mancati confronti si registra quindi la mancanza fondamentale ed il motivo per cui si è instaurata la grande vertenza sindacale e dei territori.

Sia sul tema della riorganizzazione sanitaria che su quello del sistema della contrattazione e delle relazioni sindacali, grave è stata l’approssimazione a fronte dei mancati confronti.

Tema, quello della riforma della Contrattazione, di cui il Governatore non parla, sbagliando.

Non dovrebbe nascondersi.

Perché lo scippo della Contrattazione alle Aree Vaste, avvenuto con la contestatissima, e ancora contestata, Legge Regionale blitz n.32 del 28/12/2015 approvata alla vigilia di Natale, voluta dal Presidente della IV Commissione Sanità, Fabrizio Volpini, e dai vertici ASUR, Direttore Generale Alessandro Marini e Direttore Amministrativo Pierluigi Gigliucci, non è certamente prescritto da disposizioni nazionali.

Non esiste norma della Costituzione della Repubblica Italiana, dello Statuto dei Lavoratori, del CCNL Sanità, o degli stessi Protocolli d’Intesa Programmatici regionali del 17/02/2014 (D.G.R. Marche n.149 del 17/02/2014) e il 27/07/2015 (quello summenzionato) che prescrivano il trasloco della personalità giuridica sindacale delle RR.SS.UU. dalle Aree Vaste all’ASUR Marche.

Le RR.SS.UU. delle Aree Vaste vantano diritto di cittadinanza sindacale presso il proprio Ente luogo di lavoro, cioè le Aree Vaste, come peraltro spiegato puntualmente dalla stessa Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (A.R.A.N.) - notoriamente un riferimento per le Pubbliche Amministrazioni, non certamente per il sindacato - la quale, a conferma, ha fatto svolgere giustappunto le elezioni delle RR.SS.UU. del 3-4-5 Marzo 2015 presso le Aree Vaste, e non presso l’ASUR Marche, per eleggere le RR.SS.UU. delle Aree Vaste, e non la R.S.U. dell’ASUR Marche.

Non esiste infatti, ne potrebbe esistere, una R.S.U. di livello ASUR Marche.

Anzi, proprio in ordine alla lotta agli sprechi, dovrebbe semmai interrogarsi il Governatore su come abbia fatto finora l’ASUR a sottoscrivere propri Contratti Collettivi Integrativi non possedendo, o meglio, non avendo mai posseduto, una propria R.S.U., utilizzando i fondi contrattuali delle Aree Vaste.

La Legge Regionale n.13 del 20/06/2003 era già precisa nelle sue previsioni che le Aree Vaste sono unità amministrative autonome ai fini della contrattazione, che la contrattazione è effettuata dalla delegazione trattante di Area Vasta, che i contratti decentrati integrativi sottoscritti a livello di Area Vasta sono definitivi e che il direttore di Area Vasta rappresenta l’ASUR a tutti gli effetti, anche ai fini della contrattazione decentrata integrativa.

Bastava semplicemente applicarla, non serviva modificarla, non avrebbe avuto senso.

L’equivoco è stato sempre l’ASUR, la vera palla al piede che non ha mai fatto decollare la Legge n.13.

E cosa ha fatto l’ASUR, aiutata dal Presidente Volpini ?

Ha fatto approvare una nuova Legge Regionale, con il voto favorevole del Governatore, per accentrare su di sé ancora più poteri, che non saprà mai esercitare.

Ma deve sapere il Governatore, che mentre l’ASUR continua a legittimare la propria esistenza con arroganza, scippando personale amministrativo alle Aree Vaste per avere sempre tutto pronto, le Aree Vaste sono sempre più in difficoltà, a terra.






Questo è un articolo pubblicato il 20-01-2016 alle 09:58 sul giornale del 21 gennaio 2016 - 1185 letture

In questo articolo si parla di sanità, regione marche, cgil, jesi, sindacato, fp cgil, Area vasta 2, funzione pubblica, riordino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/asHw





logoEV
logoEV