Quantcast

Basket: l’Aurora conquista il derby salvezza con Recanati

Il derby tra Aurora e Recanati 3' di lettura 24/01/2016 - Il derby delle Marche della serie A/2, tra Jesi e Recanati, va all’Aurora, che a questo punto si mette al sicuro, da un eventuale ritorno futuro dell’avversaria – il più 4 in classifica, con il favore degli scontri diretti, porta a 3 vittorie il vantaggio.

La società jesina aveva riposto tante aspettative, anche dal punto di vista organizzativo e il suo impegno è stato premiato, non solo dal risultato, che pure era la cosa primaria, ma anche dai 2.701 spettatori: una vittoria nella vittori e la dimostrazione che Jesi ha voglia di basket, possibilmente di A/2.

La partita, equilibrata per tutto il tempo, si è decisa negli ultimi 16”, quando la squadra di Lasi ha rimesso in gioco la palla in attacco, congelando il possesso fino alla fine, per non lasciare l’ultimo tiro all’avversaria. Il tiro di Greene, una autentica magia, è finito nel canestro ospite, più o meno da una distanza di sette metri, decidendo la partita.

Certo, la difesa di Recanati, che aveva deciso di difendere su quell’ultimo possesso, ha concesso troppo spazio al giocatore di casa e comunque il tempo di preparare la conclusione.

Quello tra Jesi e Recanati è stato un bel derby, giocato all’insegna dell’equilibrio, sempre aperto, giocato da due squadre che hanno mostrato grande voglia di vincere, scese in campo con il giusto atteggiamento, che sono riuscite a farsi condizionare, dall’ansia per l’importanza della posta in palio.

Una nota di merito va anche alle due tifoserie, che hanno vissuto il derby, pur nella sua drammaticità, per le implicazioni di classifica, con calore e correttezza.

Come detto la partita ha vissuto il suo epilogo nell’ultimo quarto, la squadra di Sacco non ha saputo sfruttare, un interessante +6 a metà periodo, permettendo all’Aurora di rientrare.

Come detto ha deciso Greene, ma l’Aurora, a 22” dalla sirena, sul +2, dopo la tripla del sorpasso di Santiangeli, ha fallito l’attacco che poteva chiudere il match, per una indecisione dello stesso Santiangeli.

Il più quattro sarebbe significato la fine delle ostilità, con così poco tempo a disposizione, invece ne è nato un contropiede di Sollazzo, che poi in lunetta, per il fallo di Janelidze, ha impattato sul punteggio di 63-63.

Nella partita degli ex, due per parte, hanno avuto la meglio quelli in maglia Aurora, Gueye e Maganza, contro Procacci e Bonessio, ma viene da quest’ultimo la nota più brutta di questo derby, vissuto nella massima correttezza dalle squadre, a parte qualche scintilla: appena 12” in campo e uscita per infortunio. A fine partita per Bonessio si parlava della probabile frattura di un polso.

Il commento di Lasi a fine partita: “E’ stata una bellissima partita. Sono contentissimo, per noi era una partita fondamentale, mi sento di ringraziare la società per quello che sta facendo per mantenere il basket a Jesi, in questa categoria. Un bel contorno di pubblico, di gente e di entusiasmo. Nell’azione decisiva bravo Josh perché ha fatto canestro, sennò ora stavamo qui a parlare di un supplementare. Avevo chiesto di non dare a loro la possibilità dell’ultimo tiro, dovevamo tirare praticamente allo scadere. Abbiamo messo a posto la situazione scontri diretti con Recanati, ma ora ci aspetta la trasferta di Matera, contro una squadra all’ultima spiaggia. Se vinciamo anche questa, possiamo cominciare a guardare alle squadre che ci precedono, per giocarci il quart’ultimo posto in classifica”.

AURORA JESI – USBR RECANATI 86-83

28-25; 21-23; 21-21; 16-14

Aurora: Greene 25, Hunter 11, Paci 6, Santiangeli 13, Gueye 18, Battisti 6, Scali n.e., Lucarelli n.e., Maganza, Janelidze 7, Picarelli, Ciampaglia n.e.. All.: Lasi.

Recanati: Pierini 19, Lauwers, Traini 11, Lawson 22, Sollazzo 21, Raponi n.e., Forte n.e., Nwokoye, Procacci 5, Bonessio, Amorese n.e., Maspero 5. All.: Sacco.

Arbitri: Lanzarini, Giovannetti, Dori.

Spettatori: 2.701








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-01-2016 alle 23:10 sul giornale del 25 gennaio 2016 - 1022 letture

In questo articolo si parla di sport

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/asRO





logoEV
logoEV