Banca Marche, tribunale dichiara stato di insolvenza, Codacons: 'Pronti a costituirci parte offesa'

Il Tribunale di Ancona 15/03/2016 - Una decisione importantissima che apre ora la strada al procedimento per bancarotta fraudolenta nei confronti degli ultimi amministratori della banca. Lo afferma il Codacons, intervenendo sulla decisione del Tribunale fallimentare di Ancona che ha dichiarato lo stato di insolvenza della vecchia Banca Marche.


“Non appena la Procura di Ancona aprirà il fascicolo per il reato di bancarotta fraudolenta, il Codacons si costituirà parte offesa nel procedimento, a tutela degli investitori dell’istituto di credito – spiega il presidente Carlo Rienzi – Offriremo inoltre assistenza legale a tutti i risparmiatori di Banca Marche che hanno visto azzerato il valore delle proprie obbligazioni a seguito del decreto salva-banche, per costituirsi parte offesa nell’indagine e chiedere in tale contesto il risarcimento dei danni patrimoniali subiti”.

Tutti gli interessati possono reperire i documenti utili per tutelare la propria posizione di obbligazionisti danneggiati sul sito www.codacons.it o inviando una mail all’indirizzo info@codacons.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-03-2016 alle 22:08 sul giornale del 16 marzo 2016 - 691 letture

In questo articolo si parla di attualità, tribunale, ancona, banca marche, Consumatori, stato di insolvenza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/auSd