Quantcast

Maiolati: fusione per incorporazione di Rosora, la lettera di un cittadino

rosora 3' di lettura 23/04/2016 - Maiolati negli anni ha amministrato il territorio comunale dipendendo fortemente dai ricavi e dall’attività della discarica, sbagliando e contravvenendo alle disposizioni e indirizzi normativi che richiedono all’Ente l’indipendenza economica da attività quali la discarica, in quanto attività destinate comunque ad avere un termine soggetto a tante varianti, ambientali, economiche e di mercato.

Ora la discarica chiude, in quanto il progetto di ampliamento proposto è fuori dalle leggi, così il problema rilevato dai Collegi Sindacali e di cui gli amministratori sono perfettamente a conoscenza, si presenta in tutta la sua portata. Maiolati per gestire i servizi messi in piedi ha bisogno di quei soldi che prima piovevano dalla discarica “cornacchia”. Allora il Sindaco Domizioli chiede aiuto al Sindaco di Rosora Marchetti, che prontamente è disposto a svendere territorio e cittadini, velocemente ed in sordina, cancellando per sempre una realtà storica come Rosora, per giunta, realtà economicamente sana. Nessun cittadino conosce il progetto avanzato, che di fatto non c’è, se non composto di tante, tante belle parole dai falsi presupposti evidenziati da diversi Sindaci del territorio. E’ oramai sentore diffuso che le posizioni assunte dall’amministrazione maiolatese, costituiscono un problema per l’intero territorio della media Vallesina; con la questione discarica, l’amministrazione ha prepotentemente insistito per anni su un progetto fuori legge sin dall’inizio, creando potenziali forti danni erariali e alimentando forti conflitti sociali, con scontri insanabili tra amministrazioni del territorio, un vero disastro.

Persa e di brutto questa battaglia sull’ampliamento della discarica, gli amministratori maiolatesi sono corsi verso questa “incorporazione”, sperando di sopperire attraverso i contributi pubblici previsti in arrivo, ad una gestione economica-finanziaria fondata nel tempo su presupposti sbagliati, quali i ricavi dell’attività di discarica.

E’ ora che Maiolati scopra le carte e dica quali sono i guai e le difficoltà di bilancio adesso che l’oro dall’immondizia non arriva più. Sembra evidente che l’incorporazione di Rosora serva a Maiolati per alimentare le proprie casse e sopperire alle conseguenze di anni di cattiva gestione economico-finanziaria, a cui oggi i Rosorani saranno chiamati a contribuire per il suo risanamento.

L’amministrazione di Maiolati è ai ferri corti con tanti, troppi amministratori, Sindaci e cittadini del territorio, questa situazione non può continuare ne va di mezzo lo sviluppo dell’intero territorio CIS unito da anni, ne va a rischio il futuro per le giovani generazioni locali. Il buon Sindaco Domizioli deve capire che è finita, dopo 12 anni di amministrazione condotta a spalla con Carbini, è arrivato il fine corsa. Oltre alle continue e stucchevoli autocelebrazioni, Domizioli prenda coscienza dei gravi errori fatti negli anni, se ne assuma la responsabilità insieme a Carbini e la Giunta tutta, e passi il testimone a persone più giovani e motivate, questo nell’interesse di un intero territorio che ha bisogno di confronti leali e progetti condivisi, non forzature, imposizioni, falsità e litigi. Questa è la motivazione che muove questa mostruosità geo-politica; c’è da salvare Maiolati e per farlo sacrifichiamo Rosora. I Rosorani non possono accettare questo, come i Maiolatesi non è giusto che lo propongano.

Uguale motivazione e critica situazione riguarda anche il CIS. Anche qui si sta nascondendo e sottovalutando il grosso problema, affrontandolo con soluzioni e proposte incomprensibili, un appello a tutti i Sindaci a valutare attentamente le scelte da intraprendere.


da Giancarlo Focante

     un cittadino 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2016 alle 10:18 sul giornale del 26 aprile 2016 - 3454 letture

In questo articolo si parla di attualità, fabriano, cittadino, Rosora, Giancarlo Focante

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/awcs





logoEV
logoEV