Il Vangelo del 1 maggio

Gerardo Rocconi 4' di lettura 02/05/2016 - Dal Vangelo secondo Giovanni.

In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.

Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.

Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate».

CRISTIANI, CIOE’ AMATI

Cosa ci caratterizza come cristiani, qual è l’aspetto più bello e interessante della nostra fede? Ce lo dice Gesù nel Vangelo di oggi: Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui

Dio non è soltanto uno che governa il mondo, uno che ci dà delle regole di vita, uno che stabilisce un ordine da osservare. Tutto questo è anche vero, ma prima c’è qualcosa di più grande e importante. Dio è amore, ama gli uomini e li ama talmente tanto che non si accontenta di averli creati, di averli riempiti di doni, ma li rende suoi figli. Dio è Padre che dona la vita e dona il suo amore... ai suoi figli.

AMATI, QUINDI CERCATI E PERDONATI

E quando questi figli per un loro capriccio sono fuggiti di casa con il peccato, l’amore di Dio, amore di Padre, non si è fermato, non si è arreso, ma mediante il sacrificio di Gesù li ha perdonati. Ed ora continua a chiamarli mediante una voce che parla nel cuore di ogni uomo: è la voce dello Spirito Santo che spinge a capire la verità tutta intera, cioè quanto Dio vuole amare i suoi figli. Così lo esprime il Signore: il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.

Comprendiamo ora perché la Bibbia ha sempre amato descrivere l’alleanza fra Dio e il popolo con immagini nuziali, come una festa di nozze: la piena manifestazione del Regno di Dio è un eterno abbraccio di amore fra Dio e l’umanità salvata.

Tutto ciò ci insegna a vedere la nostra vita come un fidanzamento. Un fidanzamento non possiede ancora l’amato: è attesa, è desiderio, ma è ugualmente gioioso perchè già l’amore esiste con la certezza che la festa di nozze arriverà.

VI REGALO LA PACE

Di conseguenza nel vangelo odierno Gesù può dire ancora: Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. E’ la pace e la gioia donata dalla presenza dell’amato: una gioia e una pace che, anche se non in pienezza, possono essere pregustate fin da questa vita. Una gioia diversa da quella del mondo, perchè è un dono di Dio, è anticipazione della gioia del paradiso.

Chi sarà in grado di capire e sperimentare quanto si sta dicendo? Soltanto chi si lascia guidare dallo Spirito Santo, cioè chi ascolta lo Spirito che ci educa continuamente, chi è docile allo Spirito e chi vive una vita secondo i suggerimenti dello Spirito Santo. E’ lo Spirito di amore ci insegna ad amare. E’ lo Spirito Santo che ci suggerisce che siamo figli. E perchè figli bisogna rispondere all’amore di Dio con un amore altrettanto totale.

LO SPIRITO SANTO CI EDUCA AD AMARE

Per questo Gesù ci dice che la nostra risposta a Dio non deve essere semplicemente un servilismo, ma una risposta di amore. Una risposta di amore non vuota, sentimentale, bensì una risposta di amore che sia soprattutto accoglienza della Parola di Gesù, obbedienza, fiducia, abbandono. Una risposta di amore che non sia fatta di chiacchiere, così come l’amore di Dio non è fatto di chiacchiere. Dio ha amato sul serio. E pertanto chiede una risposta di amore che sia data altrettanto sul serio!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-05-2016 alle 03:34 sul giornale del 02 maggio 2016 - 649 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awsn