Chiaravalle: ospedale, piovono critiche sulla riduzione orario primo soccorso. Proposta assemblea pubblica

Ospedale di Chiaravalle 03/05/2016 - In ospedale c’è smarrimento tra gli operatori ed i pazienti sulla riduzione a sole 5 ore dell’orario di apertura del punto di primo intervento.

“Siamo davvero alla fine – dice un’infermiera che vuol restare anonima – è il punto più basso in cui è precipitato il Montessori”. E dire che l’ospedale di Chiaravalle per decenni ha rappresentato un’eccellenza, con i suoi stimati primari ed i reparti che accoglievano persone da tutta la regione.

Critici anche i politici locali. Il più duro nei confronti dell’attuale sindaco Damiano Costantini è il consigliere di minoranza Giovanni Spinsanti di SiamoChiaravalle. “Le responsabilità della chiusura del punto di primo soccorso sono da ricercare, oltre che nei tagli della spesa, anche nell’inerzia delle amministrazioni passata e presente. Se l’azione della giunta precedente è stata tardiva e anche non condivisibile nei metodi, l’amministrazione del sindaco Costantini si è distinta per la sua completa latitanza, avvallando di fatto tutte le scelte prese in Regione. È stato proposto un ordine del giorno in consiglio comunale a dir poco delirante che in sostanza, con pochi flebili distinguo, non si opponeva affatto alla chiusura annunciata. Quest’ulteriore riduzione oraria era annunciata e conferma l’attuale isolamento politico di Chiaravalle all’interno della Regione”.

Rifondazione Comunista parla di un Primo Maggio amaro e attacca tutti, dalla Regione al consiglio comunale chiaravallese, ai sindaci dei comuni limitrofi di Monte San Vito, Montemarciano, Camerata e Falconara.

“Confusi e distratti”, è l’accusa che RC rivolge ai sindaci del territorio prima di avanzare una proposta. “I presidenti cittadini di Avis, Croce Gialla, Anfass, Avulss, Auser, tutte associazioni conosciute per il loro impegno solidale, convochino una pubblica assemblea invitando sindaci e istituzioni regionali, con all’ordine del giorno il ripristino immediato del punto di primo intervento e insieme la discussione sulle necessità inderogabili per il territorio di strutture e servizi sanitari”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-05-2016 alle 23:43 sul giornale del 04 maggio 2016 - 951 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awxb