Maiolati: maggio dedicato alla musica alla Fornace, apre Lorenzo Monguzzi

Lorenzo Monguzzi 3' di lettura 06/05/2016 - Maggio dedicato alla musica alla biblioteca La Fornace di Moie. L’auditorium del centro culturale “eFFeMMe23” diventerà una sorta di teatro, grazie a tre concerti e a una conferenza, dedicata sempre alla suggestione e al potere delle melodie.


Si inizia martedì 10 maggio, alle ore 21, con una serata di musica d'autore. Il cantante Lorenzo Monguzzi, ex del gruppo “Mercanti di liquore” e collaboratore di Marco Paolini nei suoi più recenti e celebri spettacoli, terrà un concerto a ingresso gratuito. Regalerà al pubblico di Moie e della Vallesina canzoni piene di amore, d'impegno e di ironia accompagnate dalle performance di Simone Guerro, regista e autore musicale e teatrale.

I concerti proseguiranno domenica 15 maggio, alle ore 21, con Upwelling. Sarà un viaggio nella musica del nuovo disco e un’immersione nel background musicale più profondo di Peppe Frana (oud) e Francesco Savoretti (percussioni), costituito da influenze rock e progressive, con un’attenzione verso le libere dinamiche improvvisative care al linguaggio jazzistico, insieme a sonorità e stilemi delle tradizioni modali extraeuropee.

Il maggio in musica proseguirà il sabato 28, alle ore 21, con il concerto “Piano Mirroring”. Il pianista e compositore Alessandro Sironi, attraverso composizioni nate al momento e un uso empatico della musica, trasformerà i volontari partecipanti in partiture umane che l’artista interpreterà al momento, dando suono all’interiorità di ognuno.

Infine, domenica 29 maggio, alle ore 16, nella Sala Joyce Lussu, si terrà l’incontro dal titolo “Piano Mirroring: Guarire con la musica”, perché “guarire non significa soltanto sconfiggere una malattia – spiega Alessandro Sironi, che terrà la conferenza - ma consegnare alla persona una visione armonica di se stessa e della realtà”.

Ad aprire la rassegna sarà, dunque, Monguzzi, che martedì prossimo presenterà l’album “Portavèrta”. Si tratta del primo album da solista del cantautore, voce e leader fondatore dei Mercanti di Liquore, scioltisi nel 2011. Nel disco (terzo classificato alle Targhe Tenco 2013) le nuove composizioni spaziano tra generi diversi, mantenendo un contatto con la scuola cantautoriale ma aprendosi nel contempo nuove strade e nuove possibilità espressive. Portavèrta è anche il titolo dell’unica canzone del disco scritta in dialetto brianzolo, e testimonia la necessità dell’artista di fare i conti con le proprie origini e con le contraddizioni della sua terra. Prodotto artisticamente con la collaborazione di Marco Paolini (attore, autore e regista, tra le più voci più importanti del teatro italiano, noto al grande pubblico per i suoi lavori di forte impatto civile come il Racconto del Vajont) che partecipa anche ad alcuni brani, e di Stefano Nanni (pianista, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra Jazz, le cui collaborazioni spaziano da Steve Ellington e Amii Steward, a Paolo Fresu e Massimo Moriconi, al grande Luciano Pavarotti, a Vinicio Capossela, a Michele Centonze) che ne cura anche gli arrangiamenti, l’orchestrazione e la realizzazione musicale. Il disco è prodotto da Michela Signori per Jolefilm, casa di produzione di riferimento delle opere teatrali e televisive di Marco Paolini, e di film di successo come Io sono Lì di Andrea Segre. Portavèrta è la prima produzione musicale di Jolefilm, naturale evoluzione del sodalizio artistico stretto in questi anni con Lorenzo Monguzzi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2016 alle 17:12 sul giornale del 09 maggio 2016 - 1162 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini, lorenzo monguzzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awEg