Basket: Aurora, finita la festa si pensa al domani

24/05/2016 - Dopo i festeggiamenti di rito, dopo i saluti, gran parte dei giocatori sono in vacanza, la società ha indetto una conferenza stampa per parlare della stagione chiusa, ma soprattutto per cominciare a parlare della prossima stagione.

Lunedì 30 maggio il riconfermato coach Cagnazzo, riprenderà gli allenamenti per lavorare sulla tecnica individuale, sfruttando al meglio questo periodo in cui, finito il campionato, si possono dedicare più attenzioni anche ai giovani.

Erano presenti Altero Lardinelli (amministratore unico Aurora basket), Paolo Rosati (responsabile comunicazione), Damiano Cagnazzo (coach), Federico Ligi (direttore sportivo). Il bel finale di stagione ha dato spunto ai discorsi degli addetti ai lavori, vedere al palasport tanto entusiasmo e partecipazione, vedere una squadra lottare per ottenere un risultato importate (i play-out erano diventati una sorta scudetto) sono una grande gratificazione per la società, che ha riscoperto un amore della città per il basket, mai morto, solamente sopito, dopo qualche anno all’insegna di risultati modesti.

Si potrà ripartire da un poker di giocatori interessanti, Santiangeli, Maganza, Picarelli e Janelidze, che sono sotto contratto: hanno tutti facoltà di esercitare la clausola contrattuale di uscita, al pari della stessa società, ma si punta sulla loro permanenza. Questo gruppo di giocatori, che si sono dimostrati affidabili, con opportuni inserimenti potrebbe diventare competitivo, se si riuscissero a trovare due americani di valore.

“Saremmo dei pazzi se solo pensassimo di ricostruire la squadra da zero – ha precisato il diesse Ligi - dobbiamo assolutamente ripartire da qui, da una base interessante, perché il lavoro fatto è stato positivo e non va buttato via, fermo restando che dovremo analizzare lucidamente aspetti positivi e negativi della stagione trascorsa. Chiaramente la cosa da fare sarò integrare e correggere, ciò che non si è fatto bene.”

Ligi non ha negato l’interessamento della società per Corbett, decisivo per la salvezza, ma purtroppo l’Aurora è una delle diverse società ad aver proposto l’ingaggio al giocatore. Corbett ha promesso di prendere in esame la proposta di Jesi, visto che si è trovato decisamente bene, ma probabilmente, se si dovesse scatenare una corsa al rialzo, il costo del suo ingaggio potrebbe diventare fuori dalla portata. Staremo a vedere.

Lo stesso Pillastrini (coach di Treviso) che se ne era dovuto privare a causa della lunga squalifica, dopo la firma del giocatore per l’Aurora, aveva dichiarato che, se Treviso fosse stata promossa in A/1, se lo sarebbe portato sicuramente con sé, il prossimo anno.

Altero Lardinelli ha affrontato l’aspetto relativo al budget: “Quest’anno il nostro budget, che stiamo definendo in questi giorni, sarà leggermente più alto di quello che, lo scorso anno, era il più basso tra le 32 società di serie A/2, che era meno della metà dell’anno precedente. Sarà sicuramente in linea con i budget di squadre che lotteranno per la salvezza. Poi, dovesse arrivare un primo sponsor o un secondo sponsor, automaticamente aumenteranno le nostre ambizioni. Con Betulline siamo in trattativa per vedere se si può rinnovare l’accordo, per tutta la stagione”.

Coach Cagnazzoha sintetizzato con pochi significativi concetti, quella che sarà la sua filosofia: “La squadra del prossimo anno dovrà avere, come punti di forza, aggressività, energia e corsa, che sono la base per avere entusiasmo. L’entusiasmo che il pubblico ci ha regalato deve essere il collegamento con il futuro La qualità dei giocatori che vanno in campo è fondamentale per far vedere le cose che ci eravamo detti, però poi tutti devono funzionare, tutti devono andare dalla stessa parte, quando tutti sono sulla stessa lunghezza d’onda, lo abbiamo visto nei play-out, tutto diventa più facile, anche quando niente era facile. Questo deve essere il nostro modo di giocare, questo deve essere il progetto che tutti noi abbiamo in testa”.

In attesa di programmare la stagione, di vedere quali squadre comporranno l’organico della A/2, potrebbe perfino scapparci un derby in più, se Montegranaro riuscisse a vincere i play-off di serie B, si pensa anche alla festa dei 50 anni dell’Aurora, che sarà una vera festa, considerando il raggiungimento della salvezza.

L’appuntamento è per domenica 26 giugno, presso il Federico II.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-05-2016 alle 22:20 sul giornale del 25 maggio 2016 - 1187 letture

In questo articolo si parla di sport

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axiC