Jesi in rima: un nuovo racconto 'Andando per uffici'

Jesi in rima, rubrica di poesia in dialetto jesino 30/05/2016 - Una simpatica storia per un nuovo appuntamento con la rubrica "Jesi in rima". Marinella Cimarelli racconta l'incontro tra due amici in fila davanti ad un ufficio.




ANDANDO PER UFFICI

Leonella e Vincenzi’ se ‘ncontra pé strada, è appena scappàdi da lo stesso Ufficio e se sfoga muntobè….

Leonella: Vincenzi’ que fai da ste parti?

Vincenzo: Qualche facéi te, non stavi in fila? Me pare d’avétte visto avanti a me, come t’è gìda?

Leonella: Làsseme perde fijo mia, anco’ so’ rintronàda, avrò cambiàdo quattro sportelli!

Vincenzo: Non me dì niente, io era la terza òlta che ce venìo e secondo lora ce dovéo ‘rtorna’, ma stà òlta me c’ha troàdo….avéi da senti’ che musiga!

Leonella: Perdero, io non stò a capi’ più ‘na cazzarola co’ ssà gente, stà a senti’ eh? Je domànno ‘Scusi ma l’ufficio pé fa’ sta faccenda è questo?’ E jé ‘llungo ‘n foijetto, quelli màngo ‘l guarda eppo’ me risponde ‘C’è da stabilirlo, cosa deve fare?’ ‘Ma sci c’è scritto chi’, perché ‘n ce leggi?’ Jè rispondo io.

Arcumincia e me dice ‘Senta signora, io non ho tempo da perdere, mi dica cosa deve fare…’, E’ nà sciapàda, digo io, certe parole compligàde che no’ le tròi màngo ntél vocabolario.

Comunque dopo qualche sforzo jé la fò a spicciga’ qualche sfondo’ e lu’ comincia a scartabella’…cerca…cerca…eppo’ me dice che non ce so’, e allora m’ho da rivolge da n’àntra parte!

Jé domànno ndò sarìa s’altra parte e lu’ me dice ‘Veda lei’. Me còci n’òvo, e capirai…que vòi che vedo io che non ce vedo màngo coll’occhiali!

Me giro attorno perché intanto quélo sfacciàdo avéa fatto passa’ avanti na’ giuinetta, (che me sa che l’avéa già ‘ndocchiàda che stacéa dièdro a me ‘l furbacchio’) e te vedo na’ fila de sportelli che mette paura …’E mo’ ndo’ vò?’ Me so detta tutta sconsolàda….

Vincenzo: Perché non hì chiamàdo i Carabinieri? Vedrai sci te dava retta!

Leonella: Perché so’ nà donna timoràda de Dio e non vòjio fa’ del male a nisciù capido?

Vincenzo: E dopo qu’hì fatto?

Leonella: La fila nté n’àntro sportello che me dava più fiducia, c’era nà donnetta che paréa a modo, aggràziadella, me so’ detta ‘Quéssa girà bè’!

Me sbajiavooooo…..non gìa bè proprio per nie’, lìa ricevéa solo su appuntamento, c’era scritto sopra ma io non ce leggio, non ce vedo, e a di’ la verida’ màngo me ne frega, cuci’ non me so’ ‘ccòrta.

Vincenzo: E dopo allora?

Leonella: Dopo ho cambiàdo stanza perché me paréa che li’ tirava n’ariaccia e me so’ ‘ntruffolàda ntéll’uffici più niscosti, sai quelli che te da’ l’idea che l’impiegàdi sbuffa tanto che pare che fadìga e ‘nvece scopri che nté n’angoletto c’ha la caffettiera, i cucchiari’, le tazzine, ‘l caffè bòno e sci qualcuno finisce l’anni pure ‘n cabaret de pastarelle? Proprio li’, infatti guasci guasci c’ho cchiappàdo, n’ho cambiàdo solo n’àntro e ho risolto nigo’!

Li’ non ho podùdo perché come te digo quelli magnava, però ha chiesto ai vicinàdi de sportello de ‘Occuparsi di me’, è stàdi pure gentili…te dirò.

Intanto finchè lo sportello gentile se occupava de me, que te credi? Io coll’occhio birbo guardavo a quelli che magnava e festeggiava, sai que dicéa? “Tanti auguri che vai in pensione cosi’ finalmente ti riposerai!”

Figuramoce…me so’ dìtta, sci fadigàde tutti i giorni cuci’ sai che dolore…me ‘mmagino, ve ce dòle la schiena!

Guasci guasci me sapéa fadìga a gì via perché avrìa voludo vede quanti pezzi facéa, e non s’è messi pure a scartoccia’ i regali?

Hì capido te che snaturàdi? La gente tribbola e loro gode!

Vincenzo: Essà… tanto ‘l ventisette li paga lo stesso, io li mannéria ai lavori sforzàdi, vedi?

Leonella: Ma ‘rconteme de te, a chi cercavi?

Vincenzo: Cercavo ‘n capoccio’ che risolve parecchie faccende, ‘l sa tutti, e me ce voléa solo a lu’, non podéo fa da meno me capisci? Ho ‘ncuminciàdo a pija’ l’appuntamenti, uno dopo n’àntro m’è gìdi tutti bughi, e i segretari e l’impiegàdi, (sul tipo de quelli che festeggia i pensionàdi dendro l’ufficio tanto pé capìcce), insomma lora, calmi calmi, tutte le òlte me ce facéa ‘rtorna’, o me rispondéa ‘Non c’è’ o ‘E’ impegnàdo’ o ‘E’ fòri stanza’ o ‘E’ fòri sede’ o ‘E’ in riunio’’….insomma a corti discorsi stamadìna me so’ ‘ncazzàdo muntobè perdero, brugiavo l’aria, e me so’ messo a sgaggia’: “Ma que ve pare che c’ha da fa’ solo lu’? Io c’ho ‘l campo e l’animali, fadìgo giù ‘l mercàdo dell’erbe, me alzo la madìna presto e vò a durmi’ la sera tardi, mantièngo tutta la famijia che è a carigo mio, e que ve pare che vo’ a spasso? O mél chiamàde sùbbido o me vo’ a lega’ ntél lampio’ che sta chi’ sotto e po’ me do fògo!”.

Dovessi vede tutti a cure pé telefona’, avéa paura che chiamavo i giornali, tempo quindici minùdi arìva ‘sso pallo’ gonfiàdo che quànno camìna non tocca i piedi per tèra e me dice: “Prego si accomodi!”.

Eppò pensa te, me offre ‘n caffè, e al cameriere je dice pure de portàmmelo su a tirà via!

Stavo bello sistemàdo nté na’ poltrona de pelle, cusci’ còmmoda che me sentìo ‘n pascià, per quanto stavo bè a mumenti me scordo quàlche j’avéo da domanna’, ma in quel momento mì moje m’ha chiamàdo al cellulare e me so’ ricordàdo sùbbido nigosa…e avemo ‘patteggiàdo’ col pezzo grosso na’ questio’ compligàda muntobè!

Leonella: E allora à la fine t’ha contentàdo?

Vincenzo: Dirìa de sci, so’ contento.

Leonella: La prossima òlta ce fo’ pure io, tiè, accusci’ me mette a sède nté la poltrona e magari me tratta come na’ signora e me offre pure ‘l caffè!

Vincenzo: Te Leonella non te ne pijà, và a nome mio, jé dighi che te mànna Vincenzi’ de Spàragio, svejiabambozzi, vedrai come cureeeeeee!!!

Tanto in Italia semo ‘n popolo de svertebràdi, anzi i tedeschi farìa accusci’, oddio…è pure vero che sci’ n’avéa chiuso tutti i manicomi c’ero finìdo dritto filàdo..però è gìda bè…non ce pensamo!

,






Questo è un articolo pubblicato il 30-05-2016 alle 16:58 sul giornale del 01 giugno 2016 - 1810 letture

In questo articolo si parla di cultura, attualità, poesia, poesie, vivere jesi, articolo, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axxc

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima