Banca Marche, Bisonni (Gruppo Misto): 'La commissione d'indagine ha completamente tralasciato la responsabilità politica'

Sandro Bisonni 1' di lettura 08/06/2016 - “Un lavoro di tre mesi che non ha portato alcuna novità d'interesse e incapace di individuare le giuste responsabilità a chi le ha avute sul tragico epilogo di Banca Marche, che ha bruciato anni di risparmi dei cittadini e causato danni incredibili alle imprese marchigiane.”


Per Sandro Bisonni, Consigliere regionale Gruppo Misto, la relazione su Banca Marche, presentata oggi in Consiglio regionale dalla Commissione d'Indagine, non reca alcuna novità rispetto a quanto già si conosceva come la crisi economica a livello europeo, il fatto che Banca Marche avesse crediti deteriorati, l'influenza delle Fondazioni marchigiane sulle decisioni che sono state assunte.

“Niente, invece, si dice – ha detto Bisonni nel suo intervento – delle responsabilità politiche del Governo nazionale che con il decreto legislativo n. 180 del 2015 ha messo in ginocchio migliaia di risparmiatori e che con l'articolo 5 ha imposto il segreto su tutta la vicenda. Un atto, questo, che va contro la democrazia e al diritto dei cittadini di conoscere quello che è successo.”


da Sandro Bisonni
Consigliere regionale





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-06-2016 alle 17:46 sul giornale del 09 giugno 2016 - 1682 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, macerata, Sandro Bisonni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axTR


Graziano Rosponi

10 giugno, 10:31
Ma certo che il govericchio ha secretato tuta la faccenda, altrimenti sarebbe colato a picco avendo trascurato di controllare chi, in primis la Consob, ha fatto finta che tutto andava bene. Personalmente non ho subito danni, ma come italiano mi disgusta il cinismo di chi, sapendo di essere intoccabile grazie agli appoggi politici, bada solo ai propri sporchi affari. E qui mi fermo.




logoEV