Chiaravalle: la lettera di un cittadino sulla prima assemblea di Chiaravalle più bella

2' di lettura 08/06/2016 - La redazione riceve e pubblica la lettera di un cittadino chiaravallese, scritta dopo la partecipazione alla prima assemblea della neo nata associazione Chiaravalle più bella.


Interessante e partecipato incontro all'ex cral di Chiaravalle della neonata associazione " Bene Comune- La Chiaravalle che vogliamo", pubblicizzato da "viverejesi" il 31 maggio scorso.
Fin dalle relazioni introduttive che nel corso del proficuo dibattito, il clima che ho percepito fanno ben sperare, si può dire con fiducia che incominciamo bene. Era da tanto tempo che non si vedeva una partecipazione variegata, attenta, critica e propositiva e con volti nuovi e di giovani.

Forse un segno che le cose stanno cambiando e che nel profondo vi è il sentire di riscoprire e rinnovare la partecipazione popolare, vero antido al disimpegno ed alle critiche ingannevoli, ipocrite che mai hanno prodotto risultati e scelte condivise.

E' un buon inizio ed un grande richiamo a non perdere questa occasione che può divenire lo spartiacque tra le solite chiacchiere e la costruzione di qualcosa di inedito e di bello per la nostra città. Se sapremo cogliere (sia chi ha partecipato e quelli che aderiranno o hanno aderito alla associazione come il sottoscritto) questa voglia di esserci, di contare, di fare qualcosa, di cercare insieme una nuova progettualità del futuro, potremmo dire di aver contribuito a fare una Chiaravalle più bella.

In questo rinnovato fervore credo sia giusto tenere in debita considerazione e rispetto una preoccupazione di non circoscrivere in un ambito di sinistra o di centro-sinistra ( come specificato nel documento le scelte dentro il quadro politico di un centro-sinistra aperto e plurale). I relatori nelle conclusioni non hanno escluso eventuali adesioni, suggerimenti, proposte e indicazioni provenienti da cittadini che hanno collocazioni politiche diverse, che sicuramente arricchiranno l'impegno, le scelte e le finalità dell'associazione. C'è posto per tutti perché il fine e lo spirito dell'associazione è quello di costruire insieme questo progetto nel quale si possa dire: ci ho messo qualcosa anche io perché amo la mia città.


Lettera firmata da Gianni Aquili, cittadino chiaravallese






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-06-2016 alle 22:35 sul giornale del 10 giugno 2016 - 811 letture

In questo articolo si parla di attualità, lettera

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/axU1