Quantcast

Jesi in rima: una poesia divertente di Marinella

Marinella Cimarelli 1' di lettura 08/06/2016 - Una nuova divertente poesia di Marinella Cimarelli per l'appuntamento del sabato con la rubrica Jesi in rima.




LA FIACCA E I PICCIU’



Gente mia stamadìna batto la fiacca

la zòcca è vòda e i bracci se stacca,

aggià i primi caldi me butta a tèra

sarà che so’ ‘rmasto anco’ a primavera…

quànno l’uccelli va’ pigolànno

zompa fra i rami e fa’ pògo danno.


Tra pògo scagàccia pure i picciu’,

ve digo nà cosa che non sa nisciu’,

‘n giorno me caga nté la zocca pelàda

da le madòsche l’avrìa ‘mmazzàda…

quela spudoràda continua a vola’

se sposta e scagaccia ‘n pezzo più là!


E tanto c’è nco’ chi je dà le mollìghe

una è mi’ mojie co’ n’àntre du’ amìghe.


Sotto a quel portìgo del Bare Snoopy,

quànno d’inverno è ‘n tempo da lupi,

dice: “I picciu’ me fa compassio’”

quann’è cusci’ je darìa ‘n boccado’!


J’ha dàtto ‘l vizio de svolazza’

ndocche la gente và a passeggia’,

magna, se ‘ngrassa, è belli pasciùdi,

li lasserìa a quei quattro cornùdi

che i picciu’ no li vòle ‘mmazza’

tièlli su casa e non me scassa’!


Sci’ scappo pél Corso porto ‘l cappello

ma se caga tutti ce vòle l’ombrello,

‘cchiàppece mpo’ ndocche la lassa

chi’ stamadìna non me se passa…


Ammo’ m’ha pijiàdo… pròace te,

sci’ jé la fai, a discore co’ me!!!






Questo è un articolo pubblicato il 08-06-2016 alle 18:28 sul giornale del 11 giugno 2016 - 1687 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/axUl

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV
logoEV