Quantcast

Jesi in rima: si ride con ... la colazio'

4' di lettura 02/08/2016 - Un'altra divertente lettura: Luciano e Vince', amici e vicini di casa, si incontrano per 'La colazio'".

Vincè: Luciano, ‘ccompagneme a fa la colazio’…c’ho na’ fame che non ce vedo!

Luciano: perché, non hai magnado stamadina?

Vincè: per carida’, a mi’ mojie je digo che non ho fame e non me fermo mango nté la cucina, scinno’ quella me rimpe de sacchetti de la differenziàda da porta’ giù i buzzi

Luciano: embè que c’è de male, mori per caso?

Vincè: non me ne va, la madina so’ stracco, dormi’ me sfinisce…

Luciano: andamo bè sci’ te sfinisce ‘ncora a durmi’, per quann’è l’una que fai?

Vincè: me ritempro

Luciano: commodo ‘l signorino…che bella vidaa…

Vincè: ma que commodo e commodo? Oggi m’ha comannàdo de gi’ a compra’ ‘l pregiutto, ‘l vòle magro, capirai ‘l mèjio del pregiutto è proprio ‘l grasso, uguale uguale…

Luciano: fa male per polisterolo

Vincè: ‘colesterolo’ gnorante!

Luciano: senti chi parla, ‘l professor caccola

Vincè: caccola sarai te, io leggio sempre le riviste de la farmacia, me tiengo ‘nformado

Luciano: ma sci’ è piene de reclame de medicine perchè te le vòle fa compra’, ancora n’hi’ capido gnocco?

Vincè: quanno ce vòle, le midicine bisogna pijalle

Luciano: pijele te, io n’ho mai preso niè in vida mia, ma però vedi? Ancora campo…

Vincè: nol di’ tanto forte, poesse che te pija ‘n colpo da ‘n minudo a n’àntro

Luciano: ma che pijiasse ‘n colpo a te e tutti i parenti tua, chi te c’ha mannado stamadina? A proposido ndo’ è ‘l ca’?

Vincè: è ‘rmasto sul terazzo

Luciano: perché no’ l’hi’ portado a spasso?

Vincè: c’avéa le còllighe, no’ stava tanto bè…

Luciano: e brào, cusci’ caga e piscia nté l’appartamento mia che sto’ sotta, bello sai!

Vincè: c’è mi’ moje che ‘l pulisce, me sai di’ que vai cercanno?

Luciano: vo’ cercanno che m’hi’ rotto i cojiombrisi muntobè aggià, ce semo capidi? Tu mojie non fa che discore al telefono l’ore sane, que me ‘rconti? Sai que je frega del ca’ dopo che te si’ scappado?

Vincè: te que fai, la stai a senti’? Brutto spiaccio’, perché non te fai na’ palàda de cavoli tua?

Luciano: quessi è già cavoli mia, tra te e quella de sotta che pija ‘l sole co’ le tette sventolàde sede na’ bella ‘ccoppiàda, sarìa da denunciàvve al capo-condominio!

Vincè: perché non chiami pure la ‘Bòncostume’, la vòi fa aresta’? Eppo’ non me di’ che non je guardi che non ce credo

Luciano: ma sci’ c’ha du’ tette che pare le recchie de ‘n coker! Me ricorda nonna Viola quanno ‘ttaccava su i pummidori pinduli’, uguale uguale….E’ perchè te la guardi vestida…nuda non vale nie’

Vincè: senti c’odore de bomboli co’ la cremaaaaa…’bboccamo chi’ da Martelli’ che ne compro due!

Luciano: pureeeeee….alè grasso e zuccheri…tirglicerridi, na’ bomba!

Vincè: e dàjieeee…pijiene uno pure te, pé na’ òlta que te farà mai, guardeli come schiatta de crema, pare i vestidi calzadi dendro la valigia quanno non ce cape!

Luciano: assa’ che sci’ me li magni sott’al naso è fadiga a rinuncia’

Vincè: adè ne pijio tre…

Luciano: però ammo’ ce vòle ‘l cappucci’

Vincè: embè? Ce mettemo a sede nté ‘n Bare e ordinamo

Luciano: sci’ e dopo que faresti? Te metti a magna’ na’ pasta che non è la sua, que figura ce famo?

Vincè: io so’ lìbbero cittadino e fo’ qualche me pare e piace…

Luciano: sci’ ..e passi da gran cafo’!

Vincè: mèjio sempre cafo’ e lìbbero piuttosto che sottomesso, eppo’ ai Bare non je frega proprio ‘n bel niè, io fo’ sempre come me pare e lora cel sa’

Luciano: ecco ambè…dimme che s’è ‘bbiduadi, ‘n ce fa più caso, me ‘mmagino quanno te vede, se darà na’ sgommidada co’ la Commessa e dirà: “Ariva quel cafo’ de Vincè, dàjie ragio’, poretto, è mezzo rincojionido, anco’ n’ha capido che nuantri c’emo i bombolo’ de Martelli’…se li va sempre a compra’ per conto sua…


Vincè e Luciano stancamente si avviano per il Corso, cercando un Bar che faccia al caso loro.
I bomboloni sono ancora bollenti, chiusi come tesori dentro il sacchettino di carta.
Piano piano la carta si unge profumando l’aria e lasciando una piacevole, invitante, quanto decisamente irresistibile…. scìa!
E pure questa è Jesi.






Questo è un articolo pubblicato il 02-08-2016 alle 12:02 sul giornale del 03 agosto 2016 - 2372 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, colazione, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima, bomboloni alla crema

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/azQY

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV
logoEV