x

SEI IN > VIVERE JESI > CULTURA
articolo

Jesi in rima: confidenze sotto l'ombrellone..

5' di lettura
2240


di Redazione Vivere Jesi


Jesi in rima: prosegue il mese dedicato ai racconti in dialetto di Marinella Cimarelli. Leondina e Carlì sono in spiaggia...quale posto migliore per scatenare le chiacchiere piccanti sotto l'ombrellone? Buona lettura!



CONFIDENZE SULLA SPIAGGIA


Leondina: hai preso l’ombrello’?

Carlì: sciiii…

Leondina: solo ‘l sopra o pure ‘l piro? Non fa come l’àltra òlta che te si’ scordàdo ‘n pezzo!

Carlì: miga so scemo…

Leondina: que ne so, ogni tanto te scordi qualchicco’

Carlì: è colpa tua che me fai confusio’, eppo’ te non careggi niè, non vedi che c’ho le ma’ piene?

Leondina: sì te l’òmo de casa, que vòi?

Carlì: quànno te pare sarìa l’òmo è? Comm’è che non comànno mai niente però?

Leondina: perché sì stupido e ‘l più de le òlte non capisci quanto si’ lungo

Carlì: va bè scì ce mettemo chì?

Leondina: no, c’è troppa gente, gìmo ‘n po’ più là…

Carlì: quant’ho da camina’ ancora? Guarda che stà ròbba me pesa

Leondina: quànno te pare jé la fai, non sbrontola’ e camìna!

Carlì: discori bè te, essa’…que te frega?

Leondina: chi’ non và bè, non vedi che c’è quella che pijia ‘l sole co’ tutte le pocce de fòri, svergognàda che non è altro, c’è pure i munelli piccoli, che scandolo…

Carlì: non jé guarda’ scì non te stà bè e fatte i fatti tua, sì ‘nvidiosa perché non pòi fa’ come lìa

Leondina: e chi tél dice? No ‘l fò perché c’ho ‘l senso de la dignità, scinno’ non te crede, non sarìa da meno de quella spudoràda…figuràde!

Carlì: te ce vurìa vede perdero, sai lo ride!

Leondina: chi disprezza compra, chiudi ssà bocca ciambotto’

Carlì: allora n’àntra òlta sai que famo? Gimo ntén campo de nudisti cusci’ pure io me snudo giù tutto quanto e stò bello lìbbero, sai che scialamento…

Leondina: e faresti vede a tutti quel bocco’ de ciunduli’ che n’è bòno più a niè? ‘Mmàgino le risade, altro che io, stà zitto e pensa per te ch’è mèjio!

Carlì: io me fermo che so’ stufo, te fa come te pare, per me pòi riva’ pure giù la Rotonda de Senigajia

Leondina: guarda caso proprio chì eh? Quella me pare che la vedi bè, perché quànno te pare la vista ce l’hai bòna

Carlì: ma se io màngo la considero, tanto non è ciccia per me, so’ oltrepassado, c’ho i capelli biànghi, eppo’ me so’ consumado prima del tempo, te sciroppo da guasci quarant’anni, me so’ logoràdo

Leondina: perché non te vai a rottama’ come le màghine, capace ce ne rdà una nòva

Carlì: papera, spiridosa, guarda che non me fai ride, adè que vòi ‘l caffè? Io vò a pijia’ ‘l giornale

Leondina: no, vòjio ‘l gelado

Carlì: magna pure ‘l gelado tanto sì magra!

Leondina: pensa per te c’hì messo su nà’ trippa che pare nà cucùmbera

Carlì: almeno io ero bello al tempo mio!

Leondina: ma scì mamméda non vedéa l’ora de ‘ncasàtte perché avéa paura che jé ‘rmanéi zitello? Sciì non ero io ‘ncora ciondolavi nté le Balere a cerca’ mojie!

Carlì: sta’ attenti che me fò l’amante eh? Continua cusci’ e vedrai..

Leondina: magari te se portasse via, basta che te lava, te stira e te fa da magna’, me stà bè nigosa

Carlì: el dici ma scì sapessi ch’è vero sai che chiari de luna…àprede cielo

Leondina: perché c’hai qualchicco’ da nisconde per caso? Dillo, dillo che tanto a me non me ne frega sa’?

Carlì: c’hai presente Ludiviga del Circolo? Embè, me fa sempre l’occhi dolci, a lìa jé piacio…

Leondina: apposta non fai attempo a magna’, te ‘ngozzi come n’oca e cùri come ‘l bòjia de mao pé gì a pijia’ ‘l caffè giù ‘l Circolo, adè ho capido…c’è la tresca..lo ‘nciùcio, pulìdo sei…me piaci!

Carlì: te non ce credi, el vedi che scì vòjio ce l’ho

Leondina: non ce credo màngo scì la vedo, bella alluci’ guarderìa uno come te, e que ce tròa de tanto affascinante?

Carlì: anzitutto so’ n’òmo de bella presenza…

Leondina: e ndo’, sotto le piante dei piedi?

Carlì: domannélo a lìa, me tròa bello, eppo’ jé piacio perché so’ n’òmo de cultura, sempre ‘nformàdo sui fatti del mondo, su la cronàga

Leondina: apposta voresti gi’ a compra’ ‘l giornale? Bello mio oggi no ‘l compri proprio per niè, so’ stàda chiara?

Carlì: te stai bè nté la Dittatura, quanto te piace a comanna’!

Leondina: io sto’ bè pure nté la Repubbliga sci’ è per questo, ma non c’ho scritto ‘gioconda’ su la fronte, capìdo?

Carlì: tanto scì vòjio i corni te li metto uguale

Leondina: azzardàde e te mànno via de casa, ricordede ch’è tutta ròbba mia

Carlì: apposta so’ legado, scinno’ sai quant’era che t’avéo piantàdo?

Leondina: e perché non si’ partido, io stavo più larga…

Carlì: ‘l dighi, ma dopo te pentisci

Leondina: semo venudi al mare pé pijia’ ‘l sole o pé discore, m’hì stufado

Carlì: adè vo’ a pijia’ ‘l giornale, allora que vòi?

Leondina: compreme le parole ‘ncrociàde che me vòjio fa’ nà cultura pure io, non se sa mai troàssi l’amante

Carlì: e non me fa’ piscia’ addosso da le risàde per piacere… te porto ‘l caffè e ‘l gelado cusci’ stai bòna pé ‘n pezzo!!!



Questo è un articolo pubblicato il 06-08-2016 alle 16:13 sul giornale del 08 agosto 2016 - 2240 letture