Quantcast

Jesi in rima: proseguono le vicissitudini di Mariola e Nunziatina dopo la pioggia a catinelle...tempo instabile

4' di lettura 18/08/2016 - Prosegue la storia di due coppie, dopo la pioggia che ha costretto i mariti a raccogliere l'acqua che ha allagato le proprie case (LEGGI QUI).. ma dopo il temporale torna il sole e le mogli non perdono tempo!

TEMPO INSTABILE

Via Garibaldi, un giorno dopo il diluvio che ha allagato le case, ore sette e trenta del mattino.

Mariola: ndo’ vai Nunziadina, te sei alzada presto stamadina

Nunziatina: lassame perde che sul letto non troàvo lògo

Mariola: si’ preoccupada per qualchicco’?

Nunziatina: e so’ preoccupada sci’ fija mia… Ginetta è incinta!

Mariola: ‘l sapeo io che na’ òlta o l’altra succedea, j’hi’ messo ‘l divano ntel sottoscale, capirai quanto scialava tutti e due..Li vedeo a bbocca’ ntel porto’ tutti bbracciadi che se bagiava ‘ncolladi come le mosche nté la carta piccigosa

Nunziatina: tanto sci’ nol facea lì ‘l facea da n’antra parte, sta’ tranquilla, almeno non gìa pomiciànno in giro

Mariola: adè come fai, j’ì preparado ‘l corèdo?

Nunziatina: zitta che ‘ncora c’ho quello de mamma ricamado a mano da nonna Felice, è bello… de valore, speramo che je piace…Solo che lìa me va’ guardanno i lenzòli coloradi li’ da Rango e ogni tanto me domanna de comprajene ‘n paro. S’è ‘nnamorada de uno che c’ha l’orsi popolari nte le federe, non digo che è brutto per caridà ma me pare che ‘l cotto’ è tanto fino…vòi mette quello de oggi con quello de nà òlta?

Mariola: lassa perde che tanto farà qualche je pare, sarìa pure giusta

Nunziatia: sarà pure giusta ma de guadri’ ce ne vole na’ mucchia, io miga arivo da per tutto sa’?

Mariola: st’anno ce vai in vacanza?

Nunziatina: io e mi’ marido voleamo gi’ a Abano come tutti l’anni a fa’ le cure termali ma co’ sti chiari de luna me sa’ che giramo solo intorno al tauli’!

Mariola: allora io che so’ rivada a sessant’anni e non so’ gida mai da nisciuna parte que dovrìa di’?

Nunziatina: eppure i soldi non te manga me domanno ‘l perché non te si’ mossa mai da casa

Mariola: que t’ho da di’, ogni tanto ce n’è una, e quanno le tasse e quanno na’ maladìa, e quanno s’ha da ggiusta’ qualchicco’ che se roppe dendro casa….non se finisce mai, eppo’ quel lonzo’ de mi’ marido miga se mòe de ‘n passo!

Nunziatina: sci’ stai a guarda’ nigo’ te spari…damme retta, va’ li’ da Crognaletti e cercade na’ bella gitarella, troete n’amiga e partide tutte e due per conto vostro, sai quanto sciali….

Mariola: a di’ la verida’ me l’ha proposto pure Silde giù ‘l Circolo Sociale, je piacerìa gì a vede la reggia de Caserta, e pure i Castelli de la Loira, assa’ che me piacerìa muntobè pure a me…

Nunziatina: allora que spetti, vacce no?

Mariola: e que fo’, lasso solo a mi’ marido, e dopo chi ‘l vòle senti’

Nunziatina: i tempi de la schiavitù è finidi cocca mia, è ora de svejasse!

In quel momento il marito di Mariola esce dal portone.

Alfredo: accusci’ Nunziadina io a Mariola la tenerìa come na’ schiava eh?

Mariola: perché n’è vero?

Alfredo: Te sta’ zitta che non t’ho ‘nterpellado! Parlo co’ Nunziadina

Nunziatina: non fade tanto ‘l paccapòpoli Alfredi’ che a me non me mettede paura sape’?

Alfredo: ndo’ è vostro marido, vòjo parla’ co’ lu’

Millo: qualcuno m’ha nominado per caso… Alfredi’ que c’è?

Alfredo: sai que dice tu’ moje? Che a Mariola la tièngo come na’ schiava

Millo: Nunziadi’ è vero? Perché non te fai i fatti tua?

Nunziatina: perché Mariola è n’amiga e non posso vede

Millo: sarà mèjo che te tappi ssa’ bocca, sberlenga!

Nunziatina: te sta zitto che si’ come lu’ né più né meno…

Millo: Alfredi’ volemo gi’ a pija’ ‘n caffè tutti e due, lassamole perde a quesse, mango pé ‘vvelenacce ‘l sangue stamadina

Nunziatina: la veridà fa male eh? Gide..gide…sai a nuantri quanto ce ne frega!

Millo: però ier sera givamo bè pé spala’ l’acqua eh?

Mariola: ede fatto la parte dell’obbligo vostro, sede o non sede òmmini?

Alfredo: la senti? Millo gimo via per caridà prima che m’ancazzo bembè

Millo: noooo…stamo calmi, tanto da na’ recchia bocca da n’antra scappa e chi je da’ mente?

Nunziatina: Mariola io e te adesso gimo la’ ‘l Circolo de San Giuseppe e cercamo a Silde, pianifigamo la vacanza e poèsse che ce viengo pure io sci’ la famo corta de du’ tre giorni!

Alfredo: ma va’ ndocche te te pare Mariola, basta che non roppi i zibidè n’antro po’, che aggia’ so’ stufo!

Millo: ecco…bràeee..e sperade che non piòe perché la prossima òlta che se ‘llaga nigo’ nuantri due ve damo la scopa e pulide vualtre…Ier sera ce semo rotti la schiena pé leva’ tutta quell’acqua e ndo’ sta scritto? E que semo proprio fessi?

Millo e Alfredo si allontanano, mentre Nunziatina e Mariola, a braccetto, complottano alle spalle dei mariti divertite, pronte a programmare qualche giorno di allegra vacanza!






Questo è un articolo pubblicato il 18-08-2016 alle 13:45 sul giornale del 19 agosto 2016 - 1964 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesie, sole, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aAko

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV
logoEV