Quantcast

Pallavolo: Lardini a forza quattro, vittoria 3-0 a Mondovì

3' di lettura 06/11/2016 - La Lardini va a forza quattro. Con costanza, dedizione e qualità, la squadra di Massimo Bellano conquista la quarta vittoria consecutiva e passa in tre set sul campo di Mondovì, lasciando dietro di sé la sensazione di una prova vicina alla perfezione, per interpretazione e svolgimento.


Una prova d’orchestra, nella quale la Lardini sa esaltarsi, sia in attacco (46% complessivo di efficacia), sia nella tenuta in seconda linea (75% di ricezioni positive). Scuka e Vanzurova lasciano subito il segno ed è il filo conduttore che accompagna il primo set, in cui le strangers filottranesi firmano 16 punti (8 a testa) con percentuali pazzesche (quasi il 70% complessivo). La Lardini contiene bene l’albanese Bici, vero punto di riferimento in attacco di Mondovì, viaggia sicura in contrattacco e spinge al servizio (7-11). Sull’8-14 il tecnico di casa Secchi ha già esaurito i time out, il primo tempo di Cogliandro segna il massimo vantaggio esterno (12-19). La Lpm Bam reagisce con due muri di Stomeo e Camperi (14-19), quello successivo di Bici (17-21) consiglia coach Bellano a fermare il gioco. E’ un attimo perché Scuka e Vanzurova restano due martelli pneumatici (18-23) e sono loro a completare l’opera. L’attenzione a muro produce una partenza sprint di Filottrano nel secondo set: Mazzaro e Scuka sbarrano la strada (1-6) ad un Mondovì che prova a risalire la china con Cane al posto di Dhimitriadhi, ma la piazzata di Negrini e la sassata di Scuka fanno correre la Lardini (4-11). Dopo un set e mezzo Filottrano sbaglia la prima battuta, ma poi la Lardini infila altri tre errori consecutivi (9-11) che riaccendono le speranze delle padrone di casa. Scuka e Vanzurova riaprono il gas, Mazzaro alza il muro (13-16), ma è tutta la Lardini a mostrare un’eccellente solidità in seconda linea, con Negrini e Feliziani che raccolgono in difesa quello che ai più sembra improbabile. Il terzo muro nel set di Scuka (17-21) avvicina Filottrano al secondo traguardo, tagliato con un altro block, stavolta di capitan Negrini. In avvio di terza frazione, la Lpm affida a Camperi la voglia di cambiare corso al match (5-3), ma la Lardini non batte ciglio e riprende a martellare con Vanzurova (7-7), con Cogliandro e Scuka (8-11), che fa punto anche di… sinistro. Mondovì si aggrappa con le unghie alla partita, anche quando il muro di Vanzurova (premiata mvp dell’incontro) fa prendere il largo alla Lardini (12-18). L’ace di Bruno riporta sotto le piemontesi (20-22), ma Bosio mette la palla in banca con Scuka: la slovena ne fa tre di fila (25 in totale in tre set con il 59% di positività), Mazzaro protegge al meglio la rete ed è il suo primo tempo a far scorrere i titoli di coda.

LPM BAM MONDOVÌ – LARDINI FILOTTRANO 0-3

LPM BAM MONDOVÌ: Stomeo 5, Bici 13, Borgogno 3, Martina 1, Camperi 8, Dhimitriadhi 8, Poma (L); Bruno 2, Rolando, Cane 3. n.e.: Costamagna, Carraro, Bonelli. All. Secchi - Pretto.

LARDINI FILOTTRANO: Bosio, Vanzurova 19, Mazzaro 8, Cogliandro 8, Negrini 4, Scuka 25, Feliziani (L). N.e.: Tosi, Marangon (L2), Galazzo, Rita, Cappelli. All. Bellano - Quintini.

ARBITRI: Jacobacci (Ve) e Traversa (Pd).

PARZIALI: 19-25 (24’), 19-25 (25’), 21-25 (24’)
DURATA: 73’.
NOTE: Mondovì: battute sbagliate 1, battute vincenti 1, muri 5, attacco 32%, ricezione positiva 47%. Lardini: b.s. 3, b.v. 1, mu. 7, att. 46%, ric. pos. 75%.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-11-2016 alle 19:45 sul giornale del 07 novembre 2016 - 550 letture

In questo articolo si parla di pallavolo, sport, filottrano, Lardini Filottrano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aDaI





logoEV
logoEV