x

SEI IN > VIVERE JESI > CULTURA
articolo

Jesi in rima: depurazione dopo le feste.. o l'ultimo dolcetto?

1' di lettura
1400


di Redazione Vivere Jesi


Un nuovo appuntamento di Jesi in rima, la rubrica delle poesie in dialetto di Marinella Cimarelli, oggi alle prese con la necessità di depurarsi dopo i pasti delle festività e con la tentazione di finire gli ultimi dolcetti rimasti.
E' il giorno due
ho magnado come 'n bue,
oggi me depuro
me scalcagnifigo
e me sgrasso
scì vo' avanti cuscì
tra pogo non fo' 'n passo!
So' piena de tisane,
decotti e pozioni
me so' messa giù
co' le mèjio intenzioni
Spero de durà,
io non so' fidada,
golosa incostante
e pure sciamannàda
De là c'ho 'l panettò,
n'è 'rmasto 'n pezzettì,
è na' gran tentaziò
però io 'l lasso lì
Ignoro tutto quanto,
dolcetti e leccornìe,
e giuro e spergiuro
che non digo le bugie
Sci me metto in testa
che non s'ha da sfiorà
me convincio ch'è robbaccia
che fa solo ammalà
Dopo viè la diabede
la pressiò alta e 'l polisterolo
e aumente i trigliceridi,
mèjo magnà 'n cetriolo!
Ma oggi non magno niè
vojio solo ingurgita'
sostanze liquide
che male non fa!
Béo bèo e ciuccio
me 'ttacco al buttijio'
e fo' finta che semo
nt' n'antra stagio'
Chi ha ditto ch'è Natale?
Capodanno è na' fissa,
perèsse giù l'orto
c'ho pure la melissa,
'l timo, la salvia,
na' rametta de rosmarì
basiligo, e baccarolo
li mischio 'n tantì
e ciuccio nigosa,
penso che farà bè
sci finiscio all'ospedale
non me preoccupo per niè!
Figuradeve che dieta
magnà sul "Carlo Urbani"
te passa tutto sciapo
cucinado pé l'anziani,
giusto 'n pollo lesso
na' minestrina, 'n purè
'n boccò de mela cotta
ma proprio a gìtte bè!
Eppò sci 'rtròo ancora la malva
allora è siguro che stà òlta sò salva!!!



Questo è un articolo pubblicato il 02-01-2017 alle 23:05 sul giornale del 03 gennaio 2017 - 1400 letture