x

SEI IN > VIVERE JESI > CULTURA
articolo

Chiaravalle: i monologhi di Nino Pedretti animano l'angolo letterario del Piccadilly Social Club

2' di lettura
2673

di Matteo Belluti


Da un po' di tempo a questa parte Chiaravalle ha riscoperto una vivacità culturale che negli anni si era decisamente spenta.

Tra i grandi protagonisti di questa bella (e difficile) new wave c'è Giordano Canonico, storico titolare insieme al fratello Giorgio del Bar Piccadilly di Corso Matteotti. Il Piccadilly è da sempre il covo degli appassionati di sport, il punto di partenza delle serate di divertimento con gli amici, ma si sta ritagliando un ruolo di primo piano anche come veicolo di promozione culturale. Ci sono i concerti, un cartellone di tutto rispetto in cui si alternano gruppi locali ma anche musicisti di richiamo nazionale e non solo (l'ultimo colpaccio, venerdì sera, in collaborazione con Isola Club, il concerto degli americani Moonwalk, di passaggio in Italia in questo periodo). E ultimamente ci sono anche i bei libri e il giusto modo di presentarli. L'angolo letterario, la domenica pomeriggio, tra l'ora del tè e quella dell'aperitivo. Questa domenica, 22 gennaio, il primo appuntamento del 2017 è di gran lustro. Alle ore 18 il grande Silvio Castiglioni, attore e ricercatore teatrale tra i fondatori del CRT-Centro di Ricerca per il Teatro di Milano, porterà sul palcoscenico del Piccadilly Social Club uno spettacolo dedicato ad uno dei più grandi poeti dialettali italiani di sempre: il santarcangiolese Nino Pedretti. "L'uomo è un animale feroce", questo il titolo dello spettacolo, è tratto da alcuni monologhi che Pedretti scrisse per la radio, ma mai andati in onda, dal tono amaro e divertito, malinconico e crudele, che esplorano le stramberie e le ossessioni dell’uomo medio. Nino Pedretti nacque a Santarcangelo di Romagna nel 1923. Fu, con Tonino Guerra e Raffaello Baldini, tra i grandi poeti romagnoli del secolo scorso. Del 1975 è la prima raccolta dialettale “Al Vousi”, del 1977 la seconda “Te Fugh de mi Paeis”. Postumo (1983) uscirà il suo capolavoro “La Chesa de Temp”. Nel 1992 Mondadori ha pubblicato “L’Astronomo” una serie di monologhi e racconti raccolti e consegnati alla stampa, dopo la sua scomparsa dalla moglie Lina Conti . Nel 2007 esce per Einaudi “Al Vousi e altre poesie in dialetto romagnolo” che riunisce le sue raccolte in dialetto. Recentemente l’editore Walter Raffaelli ha ripubblicato, inserendo la novità di numerosi inediti, tutti i lavori più significativi in lingua dell’autore: “Monologhi e racconti” (2011), “Grammatiche – monologhi e racconti inediti” (2012), “Gli uomini sono Strade” (2013), “Nino Pedretti – Poesie inedite in lingua italiana” (2013). Da alcuni dei più esilaranti e geniali monologhi di Pedretti, Silvio Castiglioni, ha elaborato lo spettacolo che presenterà domenica al Piccadilly Le letture saranno arricchite dalle musiche del figlio di Nino, Paolo Pedretti. Al termine dello spettacolo ricco apericena, anche vegetariano e vegano.



Questo è un articolo pubblicato il 20-01-2017 alle 20:42 sul giornale del 21 gennaio 2017 - 2673 letture