Chiaravalle, week end pieno di eventi tra musica, libri e teatro

01/02/2017 - Fine settimana di appuntamenti culturali da non perdere a Chiaravalle, tra teatro, musica e libri. Venerdì sera l'Isola Club propone un live di assoluto livello, con gli Zatopeks, band di Birmingham che spazia tra punk anni 70, rock n roll e folk, per un carattere musicale difficile da etichettare ma di sicuro potente e coinvolgente.


Penetranti i testi di Will De Niro che parlano di vari temi, dalla filosofia all’amore, dalla morte al tempo. Ed è questa l'ennesima perla di stagione regalata dall'Isola al pubblico della zona, che ha finalmente l'occasione di assistere a concerti di spessore senza macinare chilometri. Per lo più, spesso, come in questa occasione, l'ingresso è gratuito. E dopo il concerto, la festa è assicurata con le selezioni di Dj Bruno, un nome che non ha bisogno di presentazioni tra gli appassionati di musica Rock. Porte aperte all'Isola dalle 22,30.

Sempre musica, anche se di genere profondamente diverso, al Piccadilly Social Club di Corso Matteotti, con il live di Serena Adami, cantautrice marchigiana che ha appena dato alle stampe il suo secondo album “Di imperfezione” che ha già conquistato gli addetti ai lavori. Un album che rievoca atmosfere BritPop e Folk Rock, del resto curato dal fonico di Cure e Depeche Mode. Anche qui l'ingresso è libero.
Ma nel denso programma chiaravallese di venerdì sera trova spazio anche il teatro amatoriale: al Valle c'è Liolà, classico pirandelliano portato in scena dalla compagnia Sorrisi e Musica. Inizio 21,15, biglietto unico 8 euro.

Il sabato è poi dei libri: alla Libreria il Grillo Parlante, che da qualche mese ha aperto i battenti nella nuova sede di Via Leopardi 34, si presenta “Scrivere significa vincere il tempo”, le riflessioni e i pensieri di Sara Iommi, la giovane ricercatrice originaria di Agugliano recentemente scomparsa. Appuntamento in libreria alle 18,30.

E domenica torna il teatro, al Valle, con la stagione di prosa promossa da Amat e Comune: protagonista sarà l'ex componente del Trio, Tullio Solenghi, che porta a Chiaravalle la sua versione del Decameron di Boccaccio, “un racconto italiano in tempo di peste”, progetto e regia di Sergio Maifredi, produzione del Teatro Pubblico Ligure. Solenghi affronta “le più belle novelle del Decameron rendendole vive come un cabaret contemporaneo, utilizzando finemente la lingua originale di Giovanni Boccaccio, restituendocela chiara e divertente come un copione di oggi. Uno spettacolo comico e colto davvero per tutti”. Biglietti da 18 euro.








Questo è un articolo pubblicato il 01-02-2017 alle 16:36 sul giornale del 02 febbraio 2017 - 2005 letture

In questo articolo si parla di attualità, Matteo Belluti, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aF2s