Rugby: Italia-Galles, spettacolo al Carotti e fuori al village

Italia-Galles, 6 nazioni femminile a Jesi 05/02/2017 - Un evento sportivo di rilievo internazionale, inglobato in una manifestazione di 3 giorni che a parte un po' di pioggia, ha portato un pubblico numeroso a riempire gli spalti dello stadio Carotti, sabato 4 febbraio 2017, per la prima partita del 6 Nazioni Femminile: ITALIA-GALLES. E, lungo viale Cavallotti al Village allestito dal Rugby Jesi 1970, organizzatore della manifestazione.

Un'occasione importante per mostrare non solo uno sport come il rugby ad altissimi livelli, far uscire allo scoperto il movimento femminile rugbistico jesino, ma far conoscere anche altre interessanti realtà della città alle telecamere della BBC, che ha trasmesso in diretta l'intero evento. A partire dal pre match, con l'esibizione dell'Ente Palio di San Floriano, dei bersaglieri, l'inno nazionale cantato da uno jesino doc, Antonio Grassetti.

Il Rugby Jesi 1970, da un sogno del presidente Luca Faccenda, quello di ospitare una partita del 6 Nazioni a Jesi, è riuscito a coinvolgere anche altre discipline. Proprio questa contaminazione ha reso l'evento eccezionale: a partire dal calcio femminile. L'incontro con il dg Alessandro Cossu, che ha subito sposato l'idea e domenica la partita di serie A Jesina-Fiorentina, con il Terzo tempo anche per le ragazze del calcio, un'iniziativa unica e molto apprezzata.

Ma torniamo a sabato: 3300 persone per sostenere l'Italdonne dall'inizio alla fine del match e anche durante il terzo tempo al Village, al di là del risultato (l'Italia ha perso contro il Galles per 8-20).
Un lavoro enorme, con tantissimi volontari sul campo e fuori per realizzare un evento che ha raccolto tanta energia e tanto entusiasmo.
Un presidente quasi commosso di fronte alla risposta della città, che commenta così terminata la partita, rivolgendosi soprattutto ai tanti collaboratori che hanno reso possibile la manifestazione: "Ho ricevuto complimenti da tutti, spettatori, gestore dello Stadio, altri Club marchigiani, l'Amministrazione Comunale e sopratutto dalla federazione italiana e particolarmente da quella Gallese. E' la realizzazione di un mio sogno che è diventato subito anche il Vostro, ed è solo per merito di tutti quelli che hanno lavorato all'evento, come voi, che ne hanno determinato la riuscita. Vi ringrazierò uno per uno appena mi sarò ripreso dalla stanchezza, per ora mi sembra doveroso fare un applauso a Fabio Moretti e a suoi collaboratori di Capolinea, determinanti per la riuscita. Poi grazie a tutti voi, una marea di volontari, dai nostri ragazzi agli allenatori, alla Old, ai genitori e ai nostri dirigenti, GRAZIE il merito è di tutti voi" .

Presente in tribuna anche il sindaco Massimo Bacci: "Bellissima giornata allo stadio Carotti, uno spettacolo sugli spalti ed in campo, tanta gente e tanto amore per lo sport, quello più pulito, quello più autentico. Grazie a tutti i protagonisti di questa giornata che resterà memorabile. Un grazie particolare agli amici del Rugby Jesi - a partire dal suo presidente Luca Faccenda - che hanno lavorato tantissimo per un'organizzazione perfetta. E un grande in bocca al lupo alle ragazze della Jesina Calcio che ospitano nello stesso stadio la Fiorentina, capolista nella serie A".


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it







Questo è un articolo pubblicato il 05-02-2017 alle 12:21 sul giornale del 06 febbraio 2017 - 1790 letture

In questo articolo si parla di sport, jesi, rugby, italia, 6 nazioni femminile, cristina carnevali, galles, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aF81


sabina marconi

06 febbraio, 09:50
E' stato bellissimo.
Grazie a tutti.