Il Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi risponde all'amministrazione: 'Nessuna offesa verbale'

Monumento Pergolesi Jesi 15/02/2017 - In merito al comunicato della Amministrazione Comunale (leggi qui) nel quale noi sottoscritti veniamo personalmente chiamati in causa, osserviamo quanto segue.


- ad una attenta lettura del comunicato del Movimento non si comprende dove e come il Sindaco abbia potuto rilevare violenze verbali ed offese;
- in realtà il nostro comunicato, che tutti condividiamo integralmente e con assoluta convinzione, contiene solo considerazioni di natura tecnica e culturale, finalizzate ad evidenziare le contraddizioni del progetto riguardante Piazza Pergolesi;
- l’unico elemento di natura politico-amministrativa è costituito dalla nostra valutazione circa l’assurdo spostamento del monumento a Giovanbattista Pergolesi che giudichiamo offensivo per la sensibilità e per la storia della nostra città, oltreché tecnicamente rischioso;
- il metodo di interpellare per nome e cognome soltanto alcuni rappresentanti del Movimento è volutamente intimidatorio nei confronti di chi viene citato e mortificante per chi non viene nominato.
Un metodo, dunque, che nulla ha a che vedere con le regole di un corretto confronto democratico.
- noi sottoscritti, con l’intero Movimento, siamo ancora in paziente attesa di risposte concrete dall’Amministrazione comunale circa l’agibilità della procedura utile ad effettuare il referendum popolare richiesto.

Nota sottoscritta da: Vittorio Massaccesi, Gabriele Fava, Federico Tardioli, Osvaldo Pirani, Alfio Bassotti, Ero Giuliodori, Pierluigi Santarelli


dal Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-02-2017 alle 10:32 sul giornale del 16 febbraio 2017 - 487 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, monumento pergolesi, comitato nessuno tocchi pergolesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGsE