Jesi in rima: nuova poesia di Marinella, 'La gioventù de oggi'

20/02/2017 - Marinella Cimarelli stavolta trae ispirazione dal... sabato sera: 'La gioventù d'oggi'.




Una volta se ballava dalle nove a mezzanotte

oggi invece a sti’ ragazzi je daresti tante botte!

Te 'ncomincia all'una pacca finchè non diventa scialba

la serada divertente che 'ncumincia appena all'alba.

Ma se pòle, digo io, gi' giranno a ssa’ maniera?

Ma perchè me fai 'rrabbi' da madìna fino a sera?

Sci' m'apposto diedro l'uscio, pronto in mano 'l lasagnolo

l'hì voluda, te la cerchi, n'hai da di' che sò pignolo!

Sci' non dormi non connetti e 'l cervello 'n se collega

vai giranno stracco e locco po' la schiena 'n te se piega!

Non se sa qualche me magni, 'ngolli giù tutti pastrocchi

te 'mbottisci de schifezze, me fai scappa' fori l'occhi!

Eppo' gioghi col computer, passi l'ore a cazzeggia'

non se sa qualche concludi, me fai proprio dispera'.

Mo' vedrai che me li metto belli i panni de le feste,

io so' stufo de' 'rrabbìmme, ma que c'ede nte' ssè teste?

Non avede conosciudo i bei balli e 'l giradischi

ch'allegrava i tempi mia che non curevamo rischi,

niente maghine ma a piedi, giusto forse 'l motori'

ce s'andava tutti allegri e s'arimaneva lì!

Se sposava na' vicina o compagna de la scòla

ce si' gido fino Cervia pé piatte ammo' sta sòla?

Te sta' bè...te l'hì voluda, perchè c'hai la zocca scema...

Te piaciudo avé la barca? So' contento, adesso rema!!!






Questo è un articolo pubblicato il 20-02-2017 alle 16:19 sul giornale del 22 febbraio 2017 - 1040 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesia, giovani, discoteca, poesie, articolo, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGCT

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima