Giovani e trasgressione, Giorgia Benusiglio racconta la sua esperienza

Giorgia Benusiglio 20/02/2017 - E' una iniziativa organizzata dall'Aurora Calcio, società calcistica storica che grazie al Progetto Airone, mette in piedi ormai da 3 anni tante occasioni rivolte non solo ai suoi calciatori ma a tutti i giovani ed alle famiglie jesine.

Si terrà infatti, sabato 25 febbraio, un incontro pubblico con Giorgia Benusiglio.
Un'occasione unica per riflettere sull'uso delle droghe e sulle terribili conseguenze che possono anche solo una volta provocare all'organismo. E la testimonianza toccante di chi lo ha provato sulla sua stessa pelle sarà di certo interessante per i ragazzi e per gli educatori: sarà Giorgia infatti a a parlare di ciò che le è successo anni fa, e di come è riuscita a salvarsi. Lei non abita nelle Marche, ma il suo destino si è comunque legato alla nostra regione: ha ricevuto infatti un trapianto di fegato grazie ad una ragazza di Civitanova Marche, prematuramente scomparsa.

L'Aurora Calcio ha accolto la proposta di Monica, una mamma il cui figlio gioca appunto nelle giovanili della società da diversi anni, che ha curato i contatti con Giorgia, divenuta testimonial di una diffusa campagna contro le droghe in tutta Italia.

Appuntamento quindi sabato 25 febbraio alle ore 17 presso la palestra Novelli. Ingresso libero.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 20-02-2017 alle 16:31 sul giornale del 23 febbraio 2017 - 1456 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, giovani, droghe, giorgia benusiglio, cristina carnevali, articolo, aurora calcio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGC2