Le novità del piano di prevenzione vaccinale, successo per i convegni della Croce Rossa

Vaccinazioni pediatriche 23/02/2017 - Dopo i due Convegni sulle vaccinazioni, tenuti dal Comitato della Croce Rossa di Jesi e del Convegno del Comune di Cingoli, proseguiamo con l'informazione alla cittadinanza per una pratica sanitaria necessaria ed indispensabile, a partire dalla prima infanzia.


Ultimo, ma importante il recente Convegno, organizzato dal Rotary Distretto 2090, al Teatro Pergolesi, con la partecipazione di esperti del settore. Infine, due giorni fa, è stato pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale l'Intesa tra il Governo e le Regioni sul documento recante il "Piano Nazionale di Prevenzione V accinale 2017-2019.

Un passo importante per disciplinare il settore delle Vaccinazioni ed andare incontro alle esigenze dei cittadini. Infatti, dopo anni, si rinnova l'offerta vaccinale pubblica e le novità sono molte, a partire dalla gratuità di tutte le vaccinazioni offerte dal Sistema Sanitario Nazionale, che saranno anche esonerate dal ticket.

Il nuovo Piano, oltre alle vecchie vaccinazioni (contro difterite, tetano, poli, epatite B, Haemophylus Influentiae, pertosse, pneumococco, morbillo, parotite, rosolia, meningococco C nei nuovi nati, Papilloma virus nelle ragazze undicenni e influenza nei soggetti di età dai 65 anni), introduce le vaccinazioni antimeningococco B, antiRotavirus, e anti varicella nei nuovi nati, estende la vaccinazione anti Papilloma virus ai maschi undicenni, introduce la vaccinazione antimeningococcica tetravalente ACWY135 e il richiamo anti-polio negli adolescenti: prevede le vaccinazioni antipneumococco e antizoster nei sessantacinquenni.

Importanti gli obiettivi che si prefigge il Piano di Prevenzione Vaccinale 2017-2019. In primo luogo, il mantenimento dello stato polio-free e il raggiungimento dello stato morbillo-free e rosolia-free. Ma, da non sottovalutare, è la volontà di aumentare l'adesione consapevole alle vaccinazioni nella popolazione generale,con la conduzione di campagne di vaccinazione,per il consolidamento della copertura vaccinale. Importante la promozione, nella popolazione e nei professionisti sanitari,di una cultura delle vaccinazioni, coerente con i principii guida del Piano.
E' prevista anche l'adozione di sanzioni disciplinari o contrattuali nei confronti dei sanitari,qualora vengano disattese le normative del Piano. Logicamente non si deve arrivare a questo. Da quando abbiamo iniziato a parlare di vaccinazioni, abbiamo avuto la soddisfazione, da parte di molti genitori, che si sono convinti sulla opportunità di vaccinare i proprii figli. E' stato altresì, registrato un aumento delle vaccinazioni per il meningococco in seguito ai casi di meningite in Toscana ed altre Regioni.


da Dott. Francesco Bravi
Presidente Croce Rossa Italiana di Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2017 alle 17:51 sul giornale del 24 febbraio 2017 - 736 letture

In questo articolo si parla di attualità, Francesco Bravi, Croce Rossa Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGMb