x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Il Coro Federico II fa il suo ingresso nella Sala Musicale

2' di lettura
1815

dagli Organizzatori


Nuovo ingresso nella “Sala Musicale” allestita all’ultimo piano del complesso San Floriano; da ieri sera il Coro “Federico II” ha trasferito in quei locali il C.O.M. (Corso d’orientamento musicale) per l’anno scolastico 2016/17.


In precedenza gli “allievi” del M° Paolo Devito frequentavano le lezioni nei locali messi a disposizione dell’Associazione musicale dalla Parrocchia di San Pietro Martire. La sala Musicale è costituita da un ampio spazio opportunamente insonorizzato ed attrezzato per l’insegnamento delle nozioni musicali previste dai corsi di orientamento musicali; oltre a questo c’è un secondo ambiente dove sono collocati i mobili per la raccolta degli spartiti musicali.

La Sala Musicale non è ad esclusivo uso del coro Federico II, in essa, già dallo scorso anno scolastico, tiene le sue lezioni il Marche Music College. Il Coro Federico II è stato costituito agli inizi dello scorso anno da un gruppo di appassionati di canto corale; gli iniziali 8 elementi fondatori, nel giro di pochi mesi, si sono più che raddoppiati ed ora la formazione completa può contare su 17/18 cantori; poco dopo la sua “nascita” il coro si è dotato di un regolare statuto depositato negli archivi del Comune. Nei pochi mesi di esistenza il neo coro jesino ha già partecipato ad alcune manifestazioni culturali e religiose, eseguendo concerto a Jesi e Fabriano ed animando le liturgia in più occasioni.

Attualmente l’Associazione è impegnata nella organizzazione di un singolare evento denominato “A spasso con Federico” attraverso il quale intende far riscoprire ai cittadini jesini e far conoscere a quanti giungeranno da altre zone alcuni siti interessanti della città solitamente trascurati nei giri turistici, vale a dire: la chiesa di San Marco, il Museo Diocesano, la chiesa di San Bernardo e l’attiguo museo delle Arti della Stampa.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-03-2017 alle 19:19 sul giornale del 04 marzo 2017 - 1815 letture