Minonna, primo atto della campagna di ascolto di Osvaldo Pirani

2' di lettura 22/03/2017 - Borgo Minonna è un quartiere sano e coeso, le persone che vi abitano sono connotate da un forte senso di appartenenza e voglia di fare per il bene della comunità. Certo non mancano le problematiche, in parte peculiari a questa zona, in parte comuni al resto della città.


Da questo popoloso rione è partita martedì sera la campagna di ascolto del candidato del Pd di Jesi Osvaldo Pirani. Un modo per presentarsi ai cittadini, che lo conoscono come stimato primario della radiologia cittadina ma non ancora come uomo politico, e soprattutto un modo per ascoltare i punti di vista delle persone.

Pirani nel suo intervento introduttivo ha ricordato i punti fermi del programma, ovvero la forza e l’orgoglio di ridare a Jesi l’identità perduta, la volontà di uscire dall’isolamento politico nel quale la città si è rinchiusa negli ultimi anni, rilanciare le potenzialità della Vallesina come attrattore di investimenti e opportunità; la coesione sociale, che è lo strumento più efficace per l’obiettivo sicurezza; infine la cultura, che deve essere un brand identificativo per una realtà come Jesi.

I presenti hanno esposto le criticità del quartiere, partendo dal problema della scuola Perchi, che necessita di un intervento definitivo per l’impermeabilizzazione del tetto. Quindi i marciapiedi disastrati, alcune strade che da troppo tempo attendono manutenzione, la cura del verde. E poi la percezione di insicurezza diffusa tra i residenti, con la vicinanza della Superstrada che rende più agevole la fuga ai ladri.

A Pirani è stato infine consegnato un promemoria dei contenuti affrontati durante la serata. Da parte sua, il candidato del Pd non ha ovviamente fatto facili promesse elettorali, ma ha ribadito l’impegno a trattare in modo uguale ogni zona della città, senza mai trascurare le esigenze delle periferie.

Presente all’incontro anche il segretario del Pd, Pierluigi Santarelli, che ha portato un contributo politico alla discussione, sottolineando l’importanza di una candidatura che unisce e responsabilizza tutte le componenti del partito, rendendo più facile anche la composizione della lista. Il segretario è tornato per un attimo sul discorso primarie: “Le primarie sono un fondamento del Pd -ha detto- che purtroppo non era applicabile alla realtà jesina in questa fase. Da lodare la scelta di chi, come Matteo Marasca, pur chiedendo legittimamente le primarie, ha accettato di fare un passo di lato per favorire l’unità”.

Quella di martedì sera a Minonna è stata una chiacchierata informale e distesa, conclusa con l’impegno di tornare ad incontrarsi con frequenza, per mantenere vivo il confronto.

Prossimi appuntamenti della serie di incontri nei quartieri:
29 marzo in Via Contadini;
3 aprile a Ponte Pio;
4 aprile alla Seconda Circoscrizione, zona San Francesco.


da Osvaldo Pirani
candidato sindaco Pd Jesi







Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 22-03-2017 alle 12:10 sul giornale del 23 marzo 2017 - 1726 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, partito democratico, osvaldo pirani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aHHA





logoEV