Jesi in Rima: tempo di elezioni.. ci scappa una poesia

Bagni pubblici 05/04/2017 - Incomincia la sana propaganda per sensibilizzare gli jesini, in procinto di recarsi alle urne per le prossime amministrative. Due rime non possono mancare anche in questa occasione, magari per buttarla a ridere con la consueta ironia di Marinella.




PARTE LA RIMA…


E’ partida la rima, oggi è mercoldì,
cambiamo la poesia ma ‘rmanemo chì.
C’emo da legge ‘l componimento novello
…è chì che t’arvòjo, è adè che vie’ ‘l bello!
Tocca al pensionado oppure al lavoratore
nel mentre che ce penso rido de còre…
Secondo me stamadìna cchiàppo la Polidiga,
solo a pensacce aggià divento stìdiga,
me se rimpe Facebook de pubblicidà
ndocche me spiega chi avrìa da voda’:
“Arfamo la cittadinanza, ‘rnovamo nigo’,
Tripligamo le rodadorie, W ‘l pallo’,
Tappamo le bughe, Tajamo le frasche,
Contestamo le multe che ce svòda le tasche!
Più Cultura, più eventi e più Teatri’
Sbassamo le tasse che ce manga i guadri’,
Aumentamo i Vigili avanti a le Scòle,
(le maghine cure che più non se pòle),
Mettemo le panche ai ladi del Corso,
Vendemo assai cara la pelle dell’orso,
Ce vòle più Sagre e più Festeggiamenti
(nua’ sci’ magnamo semo contenti)”
Perché i Vespasia’ sarìa solo pei maschi?
Si’ contra le femmine ‘l vedi? Ce ‘rcaschi!
Nuantre ‘n bisogno ndo’ l’emo da fa’,
ma s’ha da gi’ in Chiesa pé pode’ piscia’?
Fortuna Le Grazie o l’Ambulatori
perché co’ quel freddo che ‘ncora c’è fòri
se strimbulisce e te se ‘rtira nigosa
non è per niente na’ bella cosa…
Ce vòle lo stile e la galanteria
contentàde le donne e ve ce fò na’ poesia!!!





Questo è un articolo pubblicato il 05-04-2017 alle 11:31 sul giornale del 06 aprile 2017 - 2255 letture

In questo articolo si parla di cultura, bagni, bagni pubblici, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aIcL

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima