contatori statistiche

Calcio: La Jesina non entusiasma, ma compie un passo decisivo verso la salvezza

3' di lettura 09/04/2017 - Jesi – Alla fine tutto è bene quel che finisce bene e la Jesina festeggia legittimamente la salvezza, ormai certa, salvo errori nel conteggio dei punti che la dividono dalla zona play-out e i punti a disposizione delle inseguitrici.

Senza Censori squalificato, senza Cardinali e Trudo infortunati, portati in panchina (solo il secondo metterà piede in campo a ripresa inoltrata), Bugari decide di iniziare il match con uno schieramento a una sola punta, scegliendo, probabilmente, intanto di non correre rischi, provando semmai in seguito a vincere, contro una squadra, però, sostanzialmente modesta, che anzi, troverà parecchi spazi per provare a fare gioco, riuscendo a creare un paio di occasioni piuttosto pericolose, nel corso del primo tempo.

Scelta non proprio apprezzata dal pubblico, numericamente più scarso, che in precedenti occasioni.

Il San Marino, che, pur non avendo dei fuoriclasse, a parte l’ex dorico Olcese leggermente superiore alla media, ne approfitta, si organizza bene, isolando quasi subito Shiba dal gioco offensivo della Jesina, giocando in maniera efficace nella costruzione del gioco.

La prima occasione arriva al 14’: calcio di punizione ben battuto da Buonocunto, Olcese si avventa sulla palla anticipando tutti. Il suo colpo di testa trova comunque ben appostato il portiere Tavoni, che blocca in due tempi, sventando la minaccia.

Ci riprova Olcese al 27’ con una gran botta da una trentina di metri, mirando all’angolo destro della porta. Tavoni in tuffo riesce a sventare.

Al 37’ Olcese attira su di sé due difensori jesini e trova il tempo per allargare sull’accorrente Zamagni che però, da buona posizione, lascia partire un rasoterra debole, ben controllato dal portiere di casa.

Nella ripresa Bugari dispone un po’ meglio la squadra, riuscendo nell’intento di coprire meglio gli spazi, concedendo quindi meno all’avversaria.

Al 3’ la Jesina si affaccia per la prima volta, pericolosamente, in area ospite: rovesciata di Tafani, dopo una respinta della difesa, Bontà riesce a colpire di testa, ma la palla passa a una trentina di centimetri dal palo sinistro.

La rete della squadra di casa arriva al 15’: calcio di punizione battuto da Vita, Bontà con la testa libera Cameruccio, il cui pallonetto vincente è ribattuto, in qualche modo, dal portiere ospite Renzetti. Shiba, appostato e centro area, ribatte in rete. 1-0!

Lo stesso Shiba, al 17’ fallisce una clamorosa occasione per il 2-0, calciando sul fondo, da ottima posizione.

Si rifà vivo il San Marino e in due occasioni la squadra di Di Meo arriva a un passo dal pareggio.

Al 23’ il neo entrato Enchisi, in un’area di rigore intasata da difensori e attaccanti, riesce a trovare il tempo per la conclusione, ribattuta da Tavoni.

Alla mezz’ora analoga situazione: la palla filtra in qualche modo allo stesso Enchisi, che da posizione centrale non trova l’angolo giusto, permettendo a Tavoni la presa a terra.

I brividi per il pubblico di casa finiscono praticamente qui.

C’è perfino il modo di cercare il 2-0 in due occasioni: al 38’ quando Camerucci, lanciato da Trudo, si vede respingere la conclusione da Renzetti e al 49’ quando El Harrati Tarik (un ’99 di cui si dice un gran bene), anche lui liberato da un assist di Trudo, da posizione centralissima, non riesce a superare il portiere ospite.

JESINA-SAN MARINO 1–0

Jesina: Tavoni, Calcina, Serantoni, Vita, Tafani, Labriola, Bontà (43’ st El Harrati Tarik), Sassaroli (20’ st Cantarini), Shiba (24’ st Trudo), Cameruccio, Anconetani. All.: Bugari.

San Marino: Renzetti, Menini (7’st Enchisi), Nicoli, Gassama (28’ st Mazzoni), Bova, Fantini, Caprioni (14’ st Braccini), Zamagni, Olcese, Buonocunto, Baldazzi. All.: Di Meo.

Arbitro: Del Pano di Belluno.

Rete: 15’ st Shiba.

Ammoniti: 13’ pt Sassaroli, 18’ pt Bova, 26’ st Olcese.

Spettatori: 350 circa

Calci d’angolo: 1-6

Note: durante l’intervallo sono stati premiati l’ex capitano Strappini, che è stato eletto giocatore più rappresentativo, nel referendum indetto in occasione del novantennale della società e Annarita Ricci, tra i votanti.






Questo è un articolo pubblicato il 09-04-2017 alle 17:55 sul giornale del 10 aprile 2017 - 1885 letture

In questo articolo si parla di sport, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aIkW