Arca Felice, #laboratoriosinistra: 'Per l’amministrazione Bacci andava sacrificata a prescindere'

Laboratorio Sinistra Jesi 17/04/2017 - Nei giorni scorsi Jesiamo è entrata nel dibattito cittadino che ha riguardato la chiusura e vendita dell’Arca Felice (LEGGI QUI) è stata definita una favola pensare che la storia dell’azienda avrebbe potuto avere un lieto fine , evitando la chiusura e che tutti i cittadini jesini che hanno solo potuto pensare questo, sono degli ingenui o sono in malafede .

Noi pensiamo che le motivazioni addotte dall’amministrazione BACCI sono facilmente smentibili, infatti se è vero che a livello Provinciale oltre all’ ARCA Felice esiste una altra azienda pubblica “fotocopia” di quella presente a Jesi, perché l’amministrazione comunale di Fabriano non ha provveduto a venderla e chiuderla?

L’altissimo livello di qualità di entrambe le esperienze – allevamento di bovini Marchigiani selezionati in Biologico-, erano e dovevano restare patrimonio della collettivita’!

Condividiamo le preoccupazioni del mondo agricolo e zootecnico in particolare, rispetto alla scarsa redditività che oggi gli imprenditori agricoli hanno, ma se un azienda pubblica di Fabriano riesce a mantenere la propria attività, come mai a Jesi non ci siamo riusciti? Esiste forse una responsabilità dell’amministrazione comunale ?
Non era forse l’attuale Sindaco Bacci, nominato dall’allora Giunta Belcecchi , amministratore di Progetto Jesi che gestiva l’ARCA Felice ? Se la situazione era cosi grave perche’ nessuno e’ intervenuto ? perche’ alle prime avvisaglie non si e’ pensato ad una riorganizzazione del sistema produttivo e di management aziendale anziché nominare un “nuovo” direttore in aggiunta e non in sostituzione dei tecnici gia’ presenti, appesantendo di fatto il gia’ fragile bilancio?

Su queste domande credo che i cittadini Jesini chiedono risposte concrete come pure sono in attesa di una risposta i migliaia di genitori che in questi anni hanno potuto usufruire dell’attivita’ della Fattoria Didattica come strumento formativo che ha permesso a molti ragazzini di avvicinarsi al mondo agricolo, all’ambiente e agli animali.

Sicuramente non sono questi gli obbiettivi e i valori importanti per l’amministrazione Bacci che individuano l’interesse pubblico esclusivamente in un effimero pareggio di Bilancio che comunque ha permesso proprio in questi mesi di “risistemare” dopo anni pezzi di viabilita’ cittadina.

Noi, di #laboratoriosinistra, pensiamo che la chiusura e vendita dell’Arca Felice doveva essere evitata bastava porre la stessa al centro delle politiche di Sviluppo Regionale, cosi come e’ accaduto per l’ Azienda di Fabriano.

Diverso e’ pensare, cosi come nei fatti dimostrato, che con tale vendita si potevano sistemare alcune situazioni debitorie Comunali .


da Laboratorio Sinistra
Coordinamento comunale Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-04-2017 alle 16:52 sul giornale del 18 aprile 2017 - 1112 letture

In questo articolo si parla di attualità, vallicelle, Sarwar Rashed, vito minoia, compagnia arcieri civitanova marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aIw8