Quantcast

Jesi in Rima: benvenuta stagione estiva, riparte la rassegna delle scene comiche di Marinella

5' di lettura 21/06/2017 - Il 21 giugno entra ufficialmente l'estate, e come non inaugurarla con un racconto comico di Marinella Cimarelli?

W LE VACANZE

Stamadina ariva mi’ fijo co’ na’ poesia e me la legge: “E per fortuna ch’è già vacanza/ ho rimpìdo tutta la stanza de manifesti e de figurine/ c’ho messo pure du’ belle veline/ che quanno je guardo me se scioje nigo’/ eppo’ su la mensola trionfa ‘l pallo’/…c’è pure i guanti pe’ fa’ a cazzotti/ la sciarpa a righe co’ tre scudetti/ ‘l beretto giallo da benzinaro/ na’ pistoletta che quanno sparo/ scappa no’ schizzo de acqua e sapo’/ mamma no’ roppe e lassa sta’ nigo’!”

Linda: Ade’ tiri giù tutti ssi’ ciaffi scinno’ abbuschi, altro che poesie!

Pietro: Io non tiro giù proprio ‘n bel niente e te fatte i fatti tua, e va’ a mette a posto da n’antra parte, capido?

Linda: da che mondo è mondo comànna le madri, ubbidisci subbido o te ‘llento ‘n boccado’, quessa n’è na’ cammera, è diventado n’arsenale non se pole vede

Pietro: guarda da n’antra parte sci’ non te sta’ bè!

Linda: no’ risponde male brutto sfacciado che ‘l digo a tu’ padre, dopo ce pensa lu’…

Pietro: Scièèèèèèèè…capirai, a babbo je stara’ bè de siguro, me l’ha dìtto lu’ che durante le vaganze posso fa’ come me pare e piace

Linda: Ma que è sta puzza, le scarpe tua?

Pietro: poèsse

Linda: Macchè, è sti’ calzetti, senti che schifoooo….ma me dighi ndo’ vai coi calzetti de spugna co’ sto caldo?

Pietro: Perché que m’avrìa da mette secondo te, zitta che non porto i scafandri che me piace tanto

Linda: i calzetti de cotto’ no? E i scafandri que sarìa, quela specie de cari armadi che me ce vai lassanno tutte l’impronte sui pavimenti , brutto maialo’?

Pietro: Come se vede che sei ‘rmasta all’antiga, se chiama l’anfibi, grezza, pensa per te che vòi porta’ le scarpe a punta e po’ te rimpi de vescighe e no’ je le fai più a camina’ senza cerotti, non se ne tròa uno nte’ sta casa, li dopri tutti te! E guarda che le calze fine tua, sci’ è per questo, sa’ de cacio pegorino, te si’ ‘ccorta mai?

Linda: Ma sci’ le lavo tutte le sere, me sai di’ que vai cercanno?

Pietro: Insomma, mettemoce d’accordo pe’ sta cammera, allora que vòi pe’ lassamme sta’?

Linda: Troppe ce ne sarìa da fanne de faccennòle a mamma tua! Cominciamo a porta’ giù la grascia a la madina cocco bello, che non te fa male, pure ‘l letto è ora che te lo ‘rfai per conto tua prima de gi’ a fa’ ‘l militare, scinno’ me fai fa’ na’ figuraccia e pare che t’ho avvezzado male. Eppo’ non te se scompagna ‘l servizio sci’ vai a taja’ l’erba giù ‘l giardi’, poda’ le siepi, e dai da magna’ al ca’ e ogni tanto je fai ‘l bagno, puzza come ‘n sorcio mollo!

Pietro: E’ troppe, non vale la pena de ‘rabbimme cusci’, comincio a tira’ giù la robba; posso lassa’ i guanti de la boxe e lo scudetto de la Roma?

Linda: Te paréa! Ma te, dimme ‘n po’, ndo’ stai de casa in Via del Moli’ o al “Hotel Federigo II°”? No, perché a sentìtte discore pare più la seconda…Però te dirò che me ‘nteressa, sci’ me manni i cammerieri c’avrìa ‘n po’ de faccènne da comannàje. Con te non ce se ‘cchiappa coèlle, è come parla’ al vento, oggi io non te farìa mango da magna’!

Pietro: A proposido de magna’, me fai i vincisgrassi?

Linda: Sci’, i vincisgrassi, è na’ sciapadaaaaaaaaaaa….

Pietro: Que te ce vòle? Daje…scinno’ li vo’ a comprà fatti

Linda: Costa cari bello mio, te lo scordi

Pietro: Uffa però che rottura che sei, non c’haì vòja de fa’ niè, allora dillo!

Linda: Senti chi parla, te stavi bè a fa ‘l Frade Benedettino ORA ET LABORA, allora sci’ che zappavi l’orto e davi da magna’ a le gallinelle…Te ce vedo proprio, altro che cazzeggia’ su facebook, twitter, istagram, whatsApp..e tutte l’altre daolerie vostre che sci’ non fosse pe’ babbedo che te lassa sta’ sempre.. io te buttavo via nigo’, pure ‘l cellulare! E oggi preparo na’ bella ‘omelette’, te sta’ be’ o c’hai da ‘rdi’ qualchicco’?

Pietro: Senti a lìa che chiama de fino quella che non sarìa altro che n’ha frittada, na’ sfranta d’òvi…a mumenti la so’ fa’ pure io!

Linda: Brao, allora cumincia a cucina’, che oggi tocca a te, capi pure l’insalada, po’ metti su l’acqua e fai ‘n sughetto pe’ la pasta. Afferrado ‘l concetto o m’ho da spiega’ mejo?

Pietro: E que ce vòle? Tutte sse’ storie pe’ na’ cosa accusci’ facile; ndò sta l’òvi? Qual’ è ‘l tegame? Que ce metto pe lo ragu’? Qual è la pentola pe’ bolli’ l’acqua?

Linda: Fiji del Signore lèvede de torno prima che me pija le madosche de quelle nere…Io t’ho fatto e io me te ‘rmagno quant’è vero ‘DDio…Ma ndo’ t’ho ‘rtroado? E n’era mèjo che fossi gida a spasso quela sera, come c’avrò pensado a ‘nnamoramme de babbedo…Famme ‘rtorna’ indiedro e ve fo’ vede io a tutti quanti…..Basta, ho deciso, vòjio gi’ a fa’ la ‘singola’!!!






Questo è un articolo pubblicato il 21-06-2017 alle 10:50 sul giornale del 22 giugno 2017 - 3519 letture

In questo articolo si parla di cultura, estate, poesie, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aKw0

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV
logoEV