Quantcast

Pallavolo: Lardini, il gradito ritorno della Agrifoglio. Sarà la seconda alzatrice

Beatrice Agrifoglio 2' di lettura 21/06/2017 - Si incrociano nuovamente le strade della Lardini e di Beatrice Agrifoglio. Ad un anno di distanza, la giocatrice aretina, classe 1994, torna a vestire la maglia di Filottrano, già indossata nella stagione 2015/2016 (26 presenze e 55 punti), per ricoprire il ruolo di seconda alzatrice, andando così a completare il reparto.

E’ la prima volta che mi capita di tornare in una squadra dove sono già stata – ricorda la Agrifoglio e la cosa mi emoziona e incuriosisce. Sono molto contenta, perché so di venire in una piazza dove mi sono trovata bene e di cui conservo tanti ricordi legati alle compagne, a dei tifosi fantastici e alle partite giocate, anche quelle perse, come il ritorno dei playoff a Trento”.

Per Beatrice Agrifoglio, reduce dall’esperienza in A2 con la Volalto Caserta, si tratta di un doppio ritorno, non solo alla Lardini ma anche in massima serie, già vissuta per due stagioni alla Pomì Casalmaggiore, club con il quale ha vinto lo scudetto del 2015. “Una volta che provi l’A1 sai che cosa vuol dire giocare il campionato che guardavi in televisione quando eri bambina. E’ un’altra atmosfera”.

A Filottrano, l’alzatrice di Sansepolcro ritrova Alessandro Beltrami, l’allenatore che l’ha fatta esordire in A1 il 20 novembre 2013 nella vittoriosa trasferta di Busto Arsizio. “Quando ho parlato con lui al telefono sapevo che ci sarebbe stata un’intesa immediata. E’ una grande persona, un allenatore che lavora bene e ti fa anche faticare tanto in palestra. Ma quando poi riscontri i miglioramenti lo fai volentieri. Di quella prima stagione in A1 a Casalmaggiore ricordo tante cose: facevo la seconda di Letizia Camera e siccome ad inizio stagione lei era in nazionale feci da titolare tutto il precampionato. Alessandro Beltrami in quel periodo mi aiutò molto”.

Nonostante l’ancora giovane età, la Agrifoglio ha già alle spalle 93 gare in serie A (24 in A1) ed esperienze importanti. “Giocare a questi livelli e farlo da protagonista è bello, perché ti fa prendere le tue responsabilità e ti fa crescere. Il ruolo di seconda ti dà una carica ancora maggiore. Sono contenta della scelta fatta, ho voglia di allenarmi, migliorare e sfruttare le mie occasioni”.

La Lardini Filottrano coglie l’occasione per salutare e ringraziare Sonia Galazzo per l’apporto garantito alla squadra nell’ultima stagione, sia dal punto di vista tecnico che umano.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-06-2017 alle 18:52 sul giornale del 22 giugno 2017 - 545 letture

In questo articolo si parla di pallavolo, sport, filottrano, Lardini Filottrano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aKyf





logoEV
logoEV