Quantcast

Filottrano: spacciatori vanno a casa di un 17enne a 'riscuotere', arrestati dai carabineri

2' di lettura 22/06/2017 - Proseguono gli arresti, denunce e la “Tolleranza Zero” in tutto il territorio della Val Musone e Riviera del Conero ad opera dei Carabinieri della Compagnia di Osimo. Pulizia ad oltranza, con specifici servizi a largo raggio di Polizia Giudiziaria, incrementando l’attività preventiva nel contrasto e repressione dei reati predatori contro il patrimonio, azioni antidroga e contro ogni forma di illegalità, assicurando e garantendo l’Ordine e la Sicurezza pubblica.

A Filottrano: alle ore 20:00 circa di mercoledì, i carabinieri della locale Stazione, nel contesto di autonoma attività investigativa antidroga da cui scaturiva mirato servizio di osservazione, controllo e pedinamento (o.c.p.), hanno arrestato dopo un'intensa attività di osservazion, controllo e pedinamento, in flagranza per il reato estorsione due giovani, un marocchino residente a Cingoli, e un pakistano residente a Filottrano. Seppur entrambi in regola coi permessi di soggiorno, i due erano già noti alle forze dell'ordine.

Mercoledì sera, erano circa le 20, si trovavano a Filottrano perché intenti a minacciare un 17enne che doveva pagare 200 euro ai due, per un quantitativo di hashish già venduto al minorenne. I due spacciatori avevano fatto irruzione nell'abitazione di un 68enne, in via Circumaglio, padre del giovane minacciato. A detta degli spacciatori, appunto, il 17enne doveva ancora pagare 200 euro per la sostanza stupefacente che avrebbe a sua volta venduto in centro a Filottrano e a Passatempo. E ci sono riusciti, ma non hanno fatto i conti con l'arrivo dei Carabinieri di Osimo, guidati dal Capitano Conforti. I due pluripregiudicati sono stati portati via in manette, proprio mentre ritiravano i soldi.

Dalle immediate indagini di P.G. è emerso un quadro indiziario assai più preoccupante dell’episodio descritto: i due trafficanti di hashish stavano infatti organizzando una nuova rete di Il Procuratore di turno presso il Tribunale di Ancona, dott. PUCILLI, nel concordare l’avvenuto arresto e rilevata la pericolosità sociale degli arrestati, ha disposto la reclusione presso la Casa Circondariale di Montacuto, in attesa del giudizio di convalida. E' stato segnalato come assuntore il 17enne filottranese.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it







Questo è un articolo pubblicato il 22-06-2017 alle 18:03 sul giornale del 23 giugno 2017 - 2137 letture

In questo articolo si parla di cronaca, jesi, filottrano, spacciatori, arrestati, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aKz6